Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 settembre 2018

Economia veronese

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

23.12.2017

Fedrigoni cede
agli americani
del Fondo Bain

Esterni delle cartiere Fedrigoni
Esterni delle cartiere Fedrigoni

Agli americani piace il sistema manifatturiero veronese, dopo il gruppo termomeccanico legnaghese ora anche quello cartario con sede storica in Viale Piave passa in mani statunitensi. Fedrigoni, la storico gruppo cartario veronese, dopo 130 anni, ha ceduto il controllo della società ad un fondo di private equity, Bain Capital. L'accordo è stato siglato ieri in serata.

 

La famiglia Fedrigoni, recita una nota dell'azienda, «manterrà una partecipazione di minoranza nel capitale della società». L'anno scorso il gruppo veronese ha superato il miliardo di euro di fatturato. «In 130 anni di storia, la famiglia Fedrigoni ha supportato la crescita e lo sviluppo dell’omonima azienda, raggiungendo un posizionamento di leadership nel settore delle carte speciali e dei prodotti autoadesivi in Europa. Anche grazie alle recenti acquisizioni negli Stati Uniti e in Brasile, oggi Fedrigoni è un player internazionale che necessita di risorse ulteriori per supportare a livello globale le proprie ambizioni», commenta Alessandro Fedrigoni, presidente di Fedrigoni. «In Bain Capital, abbiamo trovato l’investitore ideale per poter guidare Fedrigoni nelle prossime fasi di sviluppo globale, vista la profonda competenza industriale, le capacità gestionali e operative e la disponibilità di risorse». 

P.D.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Vota il veronese di Agosto 2018
ok