Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 settembre 2018

Economia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

03.01.2018

Auto, vendite 2017 vicine ai due milioni in crescita del 7,9%

TORINO Il mercato italiano dell’auto chiude dicembre con -3,17% delle vendite, ma nell’intero anno sfiora la soglia dei 2 milioni. Nel 2017, secondo i dati del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono state vendute 1.970.497 auto, +7,9% del 2016. «Con un numero di auto vendute molto vicino a due milioni l’Italia recupera il rango di grande mercato mondiale che aveva perso durante la crisi cominciata nel 2008, più grave e più lunga di quella del 1929», commenta il presidente del Centro Studi Promotor, Gian Primo Quagliano. Anche per l’Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere, «il 2017 si è finalmente riallineato al reale potenziale del mercato italiano». Chiude il 2017 con un segno positivo il gruppo Fca, grazie all’anno record di Jeep, trainato da Renegade e nuovo Compass, e alla forte crescita di Alfa Romeo con Giulia e Stelvio: in tutto 557.509 auto vendute in Italia nel 2017, +5,52% del 2016 e quota al 28,29% (-0,64%). Bene anche Fiat con +4,3% di vendite. A dicembre le immatricolazioni del gruppo sono state 31.924, -13,7% mentre la quota scende dal 29,58 al 26,36%. Un calo dovuto, afferma l’azienda in una nota, a una gestione equilibrata tra quota e risultati finanziari. Nell’anno sei modelli Fca sono nella top ten, di cui quattro sono i più venduti in assoluto: Panda, Ypsilon, 500 e Tipo. A dicembre sono sette, di cui tre sul podio: Panda, 500X, Ypsilon, Renegade, 500, Tipo e 500L. Per il mercato italiano è il terzo anno consecutivo di crescita. L’Anfia mette evidenza il boom del noleggio a medio e lungo termine con le registrazioni di auto intestate a società e sottolinea che «i volumi raggiunti confermano l’Italia come quarto mercato dell’Ue dopo Germania, Regno Unito e Francia». «Il livello di due milioni», sostiene Quagliano, «sarebbe stato sicuramente superato nel 2017 se non ci fosse stato nell’ultimo trimestre un mutamento di politica commerciale di alcune marche, che, avendo già raggiunto gli obiettivi dell’anno, hanno rallentato la pressione esercitata con km zero, sconti e promozioni». Le prospettive per il 2018 sono positive: secondo il Centro Studi Promotor, le immatricolazioni nel 2018 supereranno quota due milioni per attestarsi a 2.050.000 e avere un ulteriore balzo nel 2019 a 2,2 milioni, «livello decisamente importante e di ottimo auspicio per affrontare le sfide future con l’auto motore del cambiamento come nel secolo scorso». L’Unrae prevede invece un mercato stabile rispetto al 2017. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Vota il veronese di Agosto 2018
ok

Sport

Spettacoli