Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 agosto 2017

Cultura

Chiudi

01.05.2015

Tatti Sanguineti rievoca l'era di Fellini e di Flaiano

Sordi di Fellini in copertina
Sordi di Fellini in copertina

Tatti Sanguineti, critico cinematografico, già organizzatore per la mostra internazionale del cinema di Venezia, è popolare anche per le apparizioni televisive. Biografo di Walter Chiari (contestò il film tv di Luca Barbareschi e sta lavorando a un monumentale libro sull'attore veronese), Sanguineti ha ora pubblicato da Adelphi Il cervello di Alberto Sordi. Rodolfo Sonego e il suo cinema (588 pagine, 26 euro). Il libro ricostruisce vita e opera di Rodolfo Sonego (1921-2000), sceneggiatore per grandi film di Alberto Sordi, dal Vedovo a Una vita difficile allo Scopone scientifico. Il libro ricostruisce, attraverso la rievocazione di volta in volta malinconica, sorridente, abrasiva, feroce di Sonego, molte vicende accadute in quel circo che fu Cinecittà, raffigurato nelle caricature di Federico Fellini come quella riprodotta in copertina, le cui attrazioni erano la Mangano, la Lollo o Laura Antonelli, i cui domatori potevano chiamarsi Carlo Ponti o Federico Fellini, e il cui impresario occulto, nascosto dietro le quinte, era il suo primo censore: Giulio Andreotti. Perché il titolo «cerebrale» del libro? All'Adelphi spiegano che vorrebbe lasciar intendere «come, di qualsiasi viaggio in Italia, una lunga sosta nel cervello di Alberto Sordi continui a essere una tappa estremamente formativa». Per esempio, a 70 anni dalla Liberazione, spiega più dei libri la battuta di Tutti a casa: «È successa una cosa incredibile, i tedeschi si sono alleati agli americani» (autori Age & Scarpelli: non c'era solo Sonego).

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1