Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 luglio 2018

Cultura

Chiudi

02.01.2018

Un libro per ogni malanno grazie alla «biblioterapia»

Essere genitori è il mestiere più difficile del mondo e forse non in molti sanno che per ogni «malanno» dell’animo di bambini e ragazzi, per ogni problema piccolo o grande che sia, esiste un rimedio letterario. Proprio un libro può rappresentare una soluzione efficace, perchè le parole sanno parlare e «guarire» nel modo giusto anche gli spiriti più inquieti. Ne sono convinte Ella Berthoud e Susan Elderkin, che nel bel volume «Crescere con i libri» (Sellerio, pp. 482, 18 euro) aprono al lettore una mastodontica biblioteca piena di titoli utili, come recita il sottotitolo, «a mantenere i bambini sani, saggi e felici». E magari potrebbe essere un buon proposito per il nuovo anno. Dopo «Curarsi con i libri», ecco arrivare dunque un nuovo prontuario fatto di storie e avventure accattivanti, favole e disegni, personaggi simpatici, buffi o malvagi, drammi o spassose commedie che le due biblioterapiste hanno messo insieme con un lavoro certosino e che hanno pensato per bambini e ragazzi ma anche per chi di loro si occupa, dai genitori ai nonni, dagli amici agli insegnanti. Via libera quindi alla lettura di «Piumadoro e Piombofino» di Guido Gozzano per i bambini in sovrappeso, a «Haroun e il Mar delle Storie» di Salman Rushdie per quelli che vogliono imbarcarsi in un’avventura e a «Il barone rampante» di Italo Calvino per chi invece vuole scappare di casa, o ancora a «Le avventure di Tom Sawyer» se di fare le faccende di casa proprio non si ha voglia. Il libro è di facile consultazione proprio in virtù del suo impianto scientifico: organizzato come un dizionario medico, a ogni problema viene abbinato un titolo (o più di uno) con l’indicazione del lettore a cui è destinato, dai bimbi in età prescolare agli adolescenti.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1