Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 settembre 2018

Cultura

Chiudi

19.04.2018

Premio Campiello,
tappa veronese:
il sogno di Elettra

Elettra e gli altri finalisti
Elettra e gli altri finalisti

Tutto pronto per il Premio Campiello Giovani 2018 che domani mattina entrerà nel vivo con la tappa veronese. Alle 10, sul palco del Teatro Nuovo, in piazza Viviani, saliranno i 25 semifinalisti del concorso letterario dedicato ai ragazzi dai 15 ai 22 anni e promosso dalla Fondazione Il Campiello-Confindustria Veneto. Selezionati da un'apposita giuria tra 200 partecipanti di tutta Italia, i semifinalisti saranno protagonisti dell'accattivante spettacolo condotto dal quartetto di comici di Zelig, Federico Basso, Davide Paniate, Gianni Cinelli e Alessandro Betti, accompagnati dalle esibizioni dei ragazzi di «Les petit pas» ed Energy studio di Verona, con le coreografie hip hop di Omar Vanzo, e dagli allievi della scuola teatrale Teatro Nuovo diretti da Elisabetta Tescari, che leggeranno brani dei racconti dei ragazzi partecipanti.

Allo spettacolo assisteranno, portando i loro saluti, Matteo Zoppas, presidente di Confindustria Veneto e della Fondazione Il Campiello, Piero Luxardo, vertice del Comitato di gestione del Campiello, Eugenio Calearo, presidente dei Giovani imprenditori del Veneto e il collega di Verona Davide Zorzi. Al termine della mattinata sarà annunciata la rosa dei cinque finalisti che si contenderà il Campiello Giovani 2018, assegnato il 15 settembre a Venezia, in occasione della serata di gala del Premio Campiello 2018, al Gran teatro La Fenice.

 

Tra i semifinalisti c'è una sola veronese, Elettra Solignani, 17 anni, studentessa del liceo scientifico Angelo Messedaglia e in concorso con il racconto Con i mattoni. «Parlo di una ragazza che attraversa l'adolescenza con le sue difficoltà», spiega Elettra. «Sono i suoi pensieri spiegati per lettere dell'alfabeto. Da una lettera deriva una parola sulla quale si costruiscono le sue riflessioni. Non c'è un filo conduttore. Ma episodi a random della sua vita, l'alfabeto della sua storia». Elettra ha saputo di essere stata selezionata perché un compagno di classe le ha telefonato dicendole che aveva letto un lancio de L'Arena on line che la dava tra i semifinalisti. «Sono stata contenta e scioccata. Non sapevo dell'esistenza di un concorso per giovani e ho partecipato per la prima volta a un premio letterario su consiglio del mio professore di italiano, Giorgio Biasi. Quindi anche solo essere entrata tra i 25 è una grande vittoria. Nel caso non fossi scelta tra i primi cinque non sarò delusa».

Elettra ama leggere e da sempre spera di poter trovare, un giorno, un lavoro che le consenta anche di scrivere. Pensa alla facoltà di lettere dopo il liceo, nel frattempo si tuffa nei suoi libri, soprattutto classici. E poi ama i viaggi, le avventure e il teatro. Gli altri semifinalisti sono Sonia Aggio, Ludovica Ardente, Cecilia Begal, Magda Berto, Rita Caputo, Lorena Cavuoti, Cristina Colace, Alma Di Bello, Eleonora Di Benedetto, Guendalina Ferri, Vincenzo Grasso, Alessio Gregori, Isabella Manetti, Edoardo Maresca, Emanuele Marrazzo, Gianluca Massa, Lorenzo Nardean, Silvia Parolin, Gaia Pevarello, Carlo Pirro, Sofia Polini, Susanna Scagliotti, Andreea Simionel e Carola Varano.

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1