Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 gennaio 2018

Cultura

Chiudi

12.12.2017

In un libro
la fantastica eredità
di Pino Carollo

"Non occorre essere anagraficamente bambini ma l'importante è esserlo dentro ad ogni età per farsi conquistare dalle favole". Questo il credo del narratore, regista, inventore e autore Pino Carollo, scomparso un anno fa. Alcuni dei suoi scritti più belli sono diventati il libro "Amori quasi possibili", fresco di stampa per i tipi veronesi Scripta e che oggi viene presentato in sala Farinati della Biblioteca Civica alle 17,30 nell'incontro di commenorazione dell'autore che tanto ha dato alla nostra città in cui ha vissuto e lavorato a lungo, originario di Fortezza in Trentino dove è nato nel 1947, decano del teatro di figura a Verona, nonchè docente di teatro di figura all'Accademia di Belle Arti Cignaroli.

 

Patrizia Cipriani, sua compagna di vita e di tanta attività creative, ha curato il volumetto che sta in tasca per le sue piccole dimensioni ma è denso degli ingredienti cari a Carollo: fantasia, stupore, musica, gli animali, gusto dell'immaginifico mai inutilmente trasognante o campato in aria ma sempre foriero di quella saggezza che gli adulti attingono dall'infanzia e a loro volta dovrebbero restituiscono a grandi e piccini in un sistema di vasi comunicanti proprio degli artisti puri come Carollo, ma della gente comune. Il compito di parlare di lui in biblioteca è affidato a Nicola Pasquslicchio, docente di storia del teatro e dello spettacolo all'Università degli Studi di Verona.

 

"All'origine di tutti i lavori di Pino Carollo vi è certamente l'influenza che ha esercitato su di lui la terra che lo ha visto nascere e in cui ha trascoro la fanciullezza. Attraverso le sue visioni oniriche ha insegnato il sogno anche a chi credeva di non saperlo o poterlo fare" confida la Cipriani restituendoci con questa opera quello sguardo sulla diversità che a Pino Carollo veniva naturale ed anche ora che è altrove rimane a noi in eredità ma da coltivare.

Michela Pezzani
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1