Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 luglio 2018

Cultura

Chiudi

15.11.2017

Premio Bocchetta a Milo Manara
Il femminile in punta di matita

Milo Manara all’opera
Milo Manara all’opera

Il suo tratto è inconfondibile ed è la sua firma. Dalle donne sensuali ai grandi del cinema, come Federico Fellini, fino ai chiari scuri, e non poteva che essere così, con i quali ha immortalato Caravaggio. Milo Manara, l’illustratore e fumettista veronese d’adozione, riceverà oggi, per la sua matita che l’ha reso noto a livello internazionale, il Premio Bocchetta.

L’appuntamento, voluto da Giulio Segato e ospitato dalla Società di Mutuo Soccorso in porta Palio, è per le 11.30.

Sarà presente Vittore Bocchetta, artista, scultore e antifascista ex deportato, che proprio oggi compie 99 anni. È sua l’opera con la quale sarà premiato Manara: una testa in bronzo di Dante.

Il disegnatore sarà presentato dall’avvocato Guariente Guarienti: «Manara è un artista che dà lustro a Verona e onore alla città. Ripercorrerò la vita, le opere e il valore della sua arte», spiega. Seguirà, infine, un saluto di Manara.

In precedenza il premio è stato assegnato a Libero Cecchini, Giampaolo Marchi, Gilberto Lonardi, Paola Azzolini ed Emilio Barbarani e la prima edizione assegnò il premio agli eredi di monsignor Chiot, persona cara a Vittore Bocchetta al quale lo scultore ha dedicato, donandola alla città, la statua del sacerdote collocata davanti al carcere degli Scalzi, dove il cappellano era solito far visita ai prigionieri, tra cui Bocchetta, per portare loro una parola di conforto durante la seconda guerra mondiale.

«Manara ha un disegno fresco ed è un grande illustratore», ha spiegato a L’Arena Bocchetta di recente. «Quando un artista si identifica senza firma significa che è un grande artista».

Nato a Luson, in Alto Adige nel 1945, Manara vive oggi in Valpolicella. Ha vissuto fin dalla giovinezza a Verona, dove si è diplomato al liceo artistico. Il suo primo lavoro, grazie all’amico Mario Gomboli, è per l’editore Furio Viano. È il 1969, anno in cui Manara si accredita come fumettista. Illustrerà in seguito i personaggi del romanziere per ragazzi Mino Milani. Collaborerà con Hugo Pratt e Federico Fellini: nel 1989 Corto Maltese pubblica il fumetto Viaggio a Tulum da un soggetto del regista. Sue le vignette anche su Verona Infedele degli anni Ottanta e Novanta. Ha disegnato, infine, Brigitte Bardot per il monumento inaugurato a Saint Tropez.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1