Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Cultura

Chiudi

20.01.2018

Da Verona a Monaco sulle orme del pensiero di Romano Guardini

Romano Guardini
Romano Guardini

Un viaggio-studio sulle orme di Romano Guardini nel cinquantesimo anniversario della morte del pensatore italo-tedesco. Un mese fa, nel duomo di Nostra Signora di Monaco di Baviera, si è aperto il processo di beatificazione di Romano Guardini, uno dei più significativi pensatori del Novecento, nato a Verona il 17 febbraio 1885 e morto a Monaco il primo ottobre 1968. La Facoltà teologica del Triveneto propone un viaggio-studio dall’11 al 15 luglio, che ne ripercorrerà, fra Italia e Germania, i tratti principali della vita e dell’opera. La proposta, dal titolo «Europa e cristianesimo», seguirà un itinerario che da Verona si snoderà in Germania per fare ritorno in Italia a Isola Vicentina. «Con la guida di esperti conoscitori di Guardini, tra cui la sua biografa, Hanna-Barbara Gerl-Falkovitz, sarà restituito un ritratto pensiero e della figura di un uomo poliedrico e aperto, che con la sua riflessione ha toccato diversi ambiti del sapere: la filosofia, la filosofia della religione, l’interpretazione biblica, i principali temi teologici, la liturgia, l’arte, l’estetica, la pedagogia, la spiritualità, l’etica», sottolinea Giulio Osto, docente di Teologia fondamentale della Facoltà teologica del Triveneto e coordinatore dell’iniziativa. Il viaggio è proposto a studenti e a docenti della Facoltà, degli Istituti superiori di Scienze religiose collegati e degli Istituti teologici affiliati, e a tutti coloro che sono interessati a conoscere la figura di Romano Guardini. La quota di partecipazione è di 900 euro; agevolata 850 per studenti e docenti. Le iscrizioni sono aperte. L’organizzazione è a cura di Effatà Tour (www.effata.it). Informazioni su www.fttr.it. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1