Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Cultura

Chiudi

13.05.2010

Crescono i lettori, ora l'editoria spera nel rilancio

Si è aperta a Torino la 23ma edizione della fiera del libro
Si è aperta a Torino la 23ma edizione della fiera del libro

Torino. Per scordare la parola crisi il salone del libro si apre oggi a Torino forte di due dati positivi: cresce la percentuale dei lettori (nel 2009 sale dal 44 al 45,1 per cento della popolazione adulta, dati Istat: 25 milioni di italiani sopra i 6 anni che leggono almeno un libro all'anno) e cresce il mercato librario, 3,7 per cento in più nei primi tre mesi e mezzo del 2010 rispetto al corrispondente periodo del 2009. L'edizione numero 23 della fiera internazionale vede al Lingotto centinaia di editori, fino al 17. Attesi autori famosi: Scott Turow, il maestro del legal thriller americano, la scrittrice belga Amelie Nothomb e le bellissime Tishani Doshi e Shobhaa Dé dall'India, Paese ospite.
È la memoria il tema del salone 2010, simboleggiata da un albero rovesciato, con le radici in vista, e rivisitata tra scienza, storia, letteratura e arte, a partire dalla lezione del vescovo Gianfranco Ravasi, «ministro della Cultura» vaticano, sulle religioni del ricordo. Perché interrogarsi sulla memoria? Grazie alle nuove tecnologie (si pensi solo a Wikipedia e YouTube), disponiamo di sterminate banche-dati, ma ci accorgiamo che il nostro rapporto con il passato si è fatto distratto, intermittente, quasi infastidito. Dal «delirio della lista», la vertigine di catalogazione ed elencazione dell'esistente, parlano Umberto Eco e il filosofo Maurizio Ferraris con la semiologia Patrizia Violi. Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, terrà una lezione su come i segni della memoria possono riuscire a rinforzare l'educazione dei giovani. A Torino parleranno dei loro nuovi libri Eugenio Scalfari ([FIRMA]Per l'alto mare aperto), Franco Cordero (Il brodo delle undici. L'Italia nel nodo scorsoio), Enzo Bianchi (La paura dello straniero), Ernesto Galli della Loggia, Massimo Cacciari e Pietro Coda. Verranno consegnati, inoltre, due premi internazionali ad altrettanti protagonisti della cultura contemporanea, il saggista Tzvetan Todorov e il poeta Yves Bonnefoy.

Simone Incontro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1