Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 dicembre 2018

Cultura

Chiudi

30.11.2017

Il martirio di Sant’Orsola racconta l’ultimo Caravaggio

MILANO Da oggi all’8 aprile 2018 le Gallerie d’Italia-Piazza Scala, sede museale di Intesa Sanpaolo a Milano, presentano la mostra «L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri. Napoli, Genova e Milano a confronto 1610-1640», a cura di Alessandro Morandotti con il coordinamento di Gianfranco Brunelli. L’esposizione costituisce un approfondimento delle vicende artistiche sviluppatesi nelle città di Napoli, Genova e Milano a seguito della scomparsa del Merisi, in un periodo storico-artistico diviso tra la rivoluzione devota al naturale di Caravaggio e la nuova età del Barocco. Il «martirio di sant’Orsola» (1610) di Caravaggio, ultimo capolavoro del maestro che morirà poche settimane dopo, sarà quindi il punto di partenza per un confronto con gli artisti del tempo, divisi tra chi ne raccolse l’eredità e chi invece intraprese nuove strade. L’esposizione, con i patrocini del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo e del Comune di Milano e la partnership dei Musei di Strada Nuova di Genova e la collaborazione con l’Università di Torino, illustra in sette sezioni un Seicento in cui gli sviluppi artistici sono esemplificati anche attraverso le collezioni dei due fratelli Marcantonio e Giovan Carlo Doria. Un focus è dedicato al «Martirio di sant’Orsola», principale opera della collezione di Intesa Sanpaolo, recentemente esposta al Metropolitan Museum of Art di New York e fino alla fine di novembre inserita nella mostra «Dentro Caravaggio» a Palazzo Reale, di cui l’istituto di credito è, oltre che prestatore, main sponsor. Tre le oltre 50 opere alle Gallerie d’Italia spicca la monumentale Ultima cena (40 metri quadrati) di Procaccini, presentata dopo un lungo restauro al Centro conservazione La Venaria Reale (Torino), con cui Intesa collabora. Per la durata della mostra potrà essere ammirata da vicino, prima di tornare nella collocazione originale nella Chiesa della Santissima Annunziata del Vastato a Genova. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1