Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 dicembre 2018

Cultura

Chiudi

15.12.2017

Giotto a Padova: gli affreschi sono in buona salute

Gli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova
Gli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova

PADOVA È in buone condizioni, e i riscontri dei tecnici sono stati positivi, il ciclo degli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni, a Padova. Il dato è emerso dall’esito dell’annuale settimana dedicata alle attività di controllo e manutenzione dell’opera a cura dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Gli specialisti hanno confermato quanto osservato lo scorso anno: la presenza di contenutissimi quantitativi di polvere sulle superfici sporgenti, più concentrata nella metà in prossimità della controfacciata. Dati da verificare con uno studio dei moti convettivi dell’aria immessa dal sistema di aerazione. La visita è stata anche l’occasione per conoscere lo stato dell’arte dei lavori di risistemazione del tetto, sotto la responsabilità del Comune di Padova e per concordare le modalità di intervento conservativo sull’elemento ornamentale con la croce posto alla sommità del tetto (acroterio), per il quale l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro del Ministero dei beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha assunto l’onere di esecuzione presso il proprio laboratorio. Il restauro del pezzo si concluderà entro il mese di febbraio, quando è previsto anche il termine dei lavori sulle coperture; sarà così possibile procedere al ricollocamento dell’acroterio e smontare il ponteggio. Sono inoltre stati aggiunti tre nuovi punti di controllo nelle aree della controfacciata precedentemente individuate come zone oggetto di possibili fenomeni di efflorescenza. Sono stati realizzati dei controlli sugli affreschi delle pareti sud e nord in relazione ai nuovi apparati illuminanti a Led, a cura di un tecnico dell’azienda installante. Sono emersi margini per raddoppiare gli illuminamenti nella parte superiore (terzo registro e volta), tenuto conto che il livello di regolazione degli apparecchi è oggi impostato al 40% della potenza massima. È stata stabilita la ricollocazione dei sensori a margine degli stalli lignei, con uno schema più efficace per il rilevamento della luce naturale. È stata inoltre concordata un’integrazione dell’impianto illuminante a Led nelle zone absidale, dell’arco trionfale e nella parte superiore della controfacciata. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1