Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 settembre 2018

Cultura

Chiudi

10.08.2018

Addio a Trevisan,
l'artista gentile
dei tempi antichi

Orio Trevisan con una delle sue opere
Orio Trevisan con una delle sue opere

«Ci sono artisti che amano i tempi brevi, una pittura veloce che si avvale del gesto e per la quale l’azione rapida… ()… è premessa ineludibile per il concretizzarsi del linguaggio espressivo. Ve ne sono altri che invece prediligono un tempo più meditativo, quasi la compiacenza della clessidra cullasse una sorta di ‘assenza’ rispetto allo scorrere dei secoli».

Così il compianto Giorgio Cortenova scriveva di Orio Trevisan presentando nel 1997 la prima personale dell’artista veronese, antologica ospitata nello spazio della Società Belle Arti. Incisore, pittore e architetto, Orio Trevisan ci ha lasciato la mattina di mercoledì 8 agosto all’età di 85 anni. A piangerlo è il mondo artistico veronese che lo ricorda per le sue ragnatele di segni, intrecci, di fili scavati sulla lastra o dipinti su tela che – per dirla con le parole di Cortenova - «… danno vita ai ritmi a volte mandalici».

Nato a Verona il 20 luglio 1933, Orio Trevisan si laurea nel 1963 alla facoltà di architettura di venezia. Senza mai abbandonare la passione artistica diventa allievo prediletto del maestro Ettore Beraldini che gli regala il suo torchio e alcuni strumenti di lavoro. Orio Trevisan ha coltivato fino alla fine il suo amore per la pittura, la sua cantina, odorosa di vernici, le sue opere sulle quali tornava più volte sublimandovi ansie e gioie. Lascia la compagna Gabriela, e i figli Davide e Michela avuti con la giornalista Giovanna Zofrea.

Sabato alle 10.30 nella chiesa di San Pietro in Piazza Vittorio Veneto, l’ultimo saluto all’artista gentile.

Luca Del Ponte
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1