mercoledì, 10 febbraio 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

11.07.2010

Sarà una settimana africana con temperature verso i 40°


 Turisti riempiono bottiglie d'acqua in piazza Erbe FOTO MARCHIORI
Turisti riempiono bottiglie d'acqua in piazza Erbe FOTO MARCHIORI
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

È pienamente confermata la previsione di una settimana soleggiata e caldissima, con temperature massime fra 35 e 37 gradi in pianura, in particolare fra mercoledì, e sabato, inferiori ai 30° solo a partire dai mille metri di quota.
L'alta pressione godrà questa volta di un contributo africano. Le correnti dominanti saranno prevalentemente da sud-ovest, quindi particolarmente calde, quanto basta per farci vivere quella che ha buone probabilità di essere la settimana più calda dell'anno.
Le carte previsionali a medio e lungo termine non lasciano intravedere in realtà alcuna via d'uscita dall'afa. Una depressione centrata ad ovest delle Isole Britanniche continuerà infatti a richiamare aria molto calda dall'Africa settentrionale, impedendo quindi all'aria più fresca atlantica di penetrare nel Mediterraneo.
È una situazione già vista negli ultimi dieci anni che a questo punto ha serie possibilità di proseguire con gli attuali ritmi fino ad oltre Ferragosto.
Ieri, come previsto, è iniziata la nuova risalita della temperatura: alle 17 il termometro ha sfiorato i 34 gradi, un valore che se combinato al 42% di umidità è stato in realtà di 36°.
Proprio l'umidità ha reso la giornata molto afosa, al punto che sulle Alpi si sono sviluppati diversi temporali, uno dei quali ha sfiorato la parte più alta del Baldo.
L'unica speranza per un po' di refrigerio tra domani e martedì arriva proprio dai rovesci che si svilupperanno qua e là sulle Alpi nel pomeriggio-sera, quanto basta per togliere un paio di gradi ad una Valpadana comunque destinata a riscaldarsi ancora un po'.
Da mercoledì la colonna d'aria sarà invece più stabile: il solleone sarà assicurato per tutti.
Tra gli elementi negativi del clima degli ultimi giorni c'è anche la quantità di ozono presente nell'aria della città, in particolare tra le 11 e le 18, quando si raggiungono cioè le temperature più elevate. Anche ieri le concentrazioni di questo gas hanno superato quasi ovunque la soglia di attenzione di 200 microgrammi per metro cubo.
Previsioni analoghe tra oggi e domani, ma in aumento da martedì.
Ieri si è chiusa intanto la prima decade di luglio più calda dal 1957: non sono state registrate temperature record, ma è anche vero che di giorno il termometro non scende sotto i 31° dal 25 giugno. I record di luglio, lo ricordiamo, appartengono al '57: 39 gradi in città, seguiti dal 38° netti del 2006 e del 2007.
Occorre dunque scomodare la terribile estate del 2003? In quell'anno i valori massimi furono registrati ad agosto (massima assoluta di 39 gradi) mentre in luglio si arrivò solo a 36,5°. Staremo a vedere. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Azzoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Multimedia

Twitter

Facebook

Sport

Cultura

Sondaggio

Chi vincerà il 66° Festival di Sanremo?
Chi vincerà il 66° Festival di Sanremo?
ok
Cultura
I colori dei Coleotteri nella mostra Superfici
Presso il Museo Civico di Storia Naturale di ...
Incontri
Raccontastorie
Appuntamento con la lettura ad alta voce per ...
Sport
28mo Campionato Invernale del Garda
La 28ª edizione del Campionato Invernale del ...