Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

La montagna
spaccata
Visita a 360°

La montagna spaccata

GUARDA A SCHERMO INTERO

La montagna spaccata, un luogo dove natura e leggenda si incontrano. È una profonda fenditura di origine tettonica e scavata dall’acqua del torrente Torrazzo. Si trova a poca distanza da Recoaro Terme, in provincia di Vicenza, e si raggiunge percorrendo la strada che da San Quirico porta a Recoaro Mille. Il sentiero che entra nella montagna è interamente pedonale e si snoda all’interno del Calcare di Monte Spitz sino a raggiungere un’altezza di circa 90 metri. La gola è attrezzata con scale in ferro e all’ingresso sono disponibili i caschetti di protezione. Una targa ricorda la visita della regina Margherita di Savoia avvenuta il 9 agosto 1879. A catturare il visitatore è la suggestiva forma del luogo che intreccia natura e racconti, come la leggenda dell’anguana Etele e Giordano. Secondo il mito, le anguane erano donne affascinati e sfuggevoli. Etele era la figlia della maga del bosco e fu sposa di un giovane del luogo, Giordano. Ma, su di lei gravava un incantesimo: sarebbe svanita alla scomparsa della madre. Quando accadde fu rincorsa dallo sposo e giunta ai piedi di una montagna, la roccia si spaccò in due e scomparve. Il loro amore non finì e continuò a sgorgare come acqua dalle rocce. L’entrata al sito è a pagamento e in estate le visite sono anche notturne.

 

È disponibile al download un poster.