Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
12 dicembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

30.04.2018

Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie

I due coparroci: don Antonio Sona e don Pietro Pasqualotto
Il corso per imparare a costruire un presepe
I due coparroci: don Antonio Sona e don Pietro Pasqualotto Il corso per imparare a costruire un presepe

Don Antonio Sona è nato nel 1964 a Verona. È stato ordinato sacerdote nel 1989 e, subito, è stato destinato come curato nella parrocchia di Lugo di Grezzana, per due anni. In seguito è stato padre spirituale nel Seminario Minore per quattro anni; per sei anni, poi, è stato segretario del Vescovo. Quindi è tornato a Lugo come parroco, per altri sei anni e, dal 2007, guida la parrocchia di Lugagnano. Ci può dipingere un quadro del paese? «Lugagnano è abbastanza nuovo. Infatti fino al 1975 l’attuale territorio comunale era suddiviso su Sona, Verona, Bussolengo e Sommacampagna. La chiesa che noi chiamiamo nuova, anche se ha 65 anni, ora in territorio di Sona, era nel comune di Sommacampagna. Nel 1975 questo territorio trovò unità e fu trasferito sotto il Comune di Sona. Inizialmente il paese era piccolo. Nell’arco di 45-50 anni la popolazione è triplicata: oggi è un paese di novemila abitanti. L’economia era legata quasi esclusivamente all’edilizia e alla campagna; ma con il sopravvenire della crisi ne ha risentito e si sono evidenziate grosse difficoltà per il lavoro. Oggi possiamo dire che è un paese composito, un po’ disomogeneo perché la popolazione è la sommatoria di famiglie che provengono dai limitrofi San Massimo, Sommacampagna, Caselle e Bussolengo. È difficile da catalogare perché con 9mila abitanti, 3.300 famiglie...». Lei è qui da dieci anni. Che tipo di religiosità ha notato in questa gente? «Il cattolicesimo è radicato; gli stranieri, che sono circa 500, aderiscono ad altre confessioni o religioni. E parecchi frequentano le loro chiese di appartenenza andando magari a Verona. Noi calcoliamo che i praticanti che frequentano la messa della domenica si aggirino intorno al 20-25%, un po’ di più rispetto alle comunità vicine. Abbiamo una bella presenza giovanile anche in seguito alle “Missioni giovani”, curate dai “Servi di Nazareth”. Questo ha dato una buona vitalità alla realtà giovanile. Anche il Circolo Noi svolge una notevole attività». Come pensate di raggiungere coloro che non frequentano, visto che la missione della Chiesa è l’evangelizzazione? «Oltre alle missioni degli anni scorsi, visitiamo le famiglie. Fino a qualche anno fa questo era il compito principale. Ma ora siamo presenti anche nella scuola materna parrocchiale con sette sezioni e 160 bambini; la scuola è gestita dai genitori. E questo ci permette un incontro abbastanza frequente proprio con le famiglie». Veniamo alla catechesi... «Ha ancora una forma tradizionale con il catechismo settimanale, che si svolge nelle varie giornate della settimana. Mentre abbiamo conservato la formula delle classi per quanto riguarda la scuola primaria, alla scuola media proponiamo gruppi misti più ristretti rispetto alle sezioni scolastiche perché vogliamo rompere lo schematismo catechismo-scuola. La frequenza al catechismo coinvolge il 90% dei bambini che frequentano la scuola; abbiamo 70-80 bambini per ogni annata anche se notiamo un calo demografico. Gli adolescenti, dopo il percorso catechistico, mostrano alcune defaillances nella presenza». Come avete cercato di mantenere il contatto? «Impieghiamo i mesi di aprile e maggio nella preparazione degli adolescenti che desiderano fare gli animatori al Grest; per cui durante la stagione cosiddetta morta gli adolescenti ritornano perché sono orgogliosi di fare l’esperienza al Grest. Il nostro Grest comprende dai 300 ai 350 bambini e ragazzi che sono seguiti da un centinaio di animatori, più una trentina di genitori per i laboratori. Vi partecipano anche bambini di altre religioni, sia perché amano stare con i loro amici sia perché i genitori lavorano. «Dura quattro settimane», ricorda con Antonio, «mattina e pomeriggio con sospensione nel momento del pranzo (che non siamo ancora in grado di organizzare). È un momento molto atteso dai ragazzi, ma anche dagli adolescenti perché si sentono responsabili dei più piccoli. Si crea, infatti, un’aggregazione felice. Qualche adolescente, addirittura, si mette a disposizione per fare il catechista ai bambini che ha conosciuto in estate durante il Grest». Torniamo al Noi. Cosa significa per una parrocchia avere al suo interno un Circolo? «Il Noi ha a che fare con il tempo libero. Organizza anche iniziative culturali: per esempio il Cineforum per gli adulti o il film della domenica per i ragazzi, prima e dopo Natale. Altro esempio: è terminato un corso sulla dottrina sociale della Chiesa. Il Circolo non organizza solo il tempo libero distensivo ma anche quello formativo». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili