Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

06.12.2017

La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi

Il parroco don Alberto Carcereri
Il parroco don Alberto Carcereri

La realtà pastorale della parrocchia di San Pio X non si discosta molto da quella delle altre parrocchie cittadine. Ciò vuol dire che la secolarizzazione, sempre più invasiva, e la sempre più diffusa perdita dei valori cristiani, rende il ministero pastorale più difficile che nelle parrocchie di paese, dove ancora permane un senso di comunità e di identità locale. Tuttavia, don Alberto Carcereri, settant'anni compiuti da poco, parroco a San Pio X in via Biondella, non è del tutto pessimista. «Sui 4.700-5.000 residenti all'interno dei confini parrocchiali, i cosiddetti praticanti si aggirano attorno al 10 per cento della popolazione. «La loro religiosità è fondata su una tradizione che definirei “moderna”, legata però ad abitudini e usanze religiose formatesi nel tempo e dure da smuovere. Anche i gruppi parrocchiali sono un po' vecchi e talvolta impermeabili». Le affermazioni di don Albertosono bonariamentecrude, ma se gli si chiede quali sono i gruppi che operano nella parrocchia e che collaborano con lui, non può esimersi dal manifestare una certa soddisfazione. «Io sono stato ordinato prete nel 1973», dice don Alberto, «e posso dire di avere parecchia esperienza pastorale. Prima di arrivare a San Pio X sono stato a San Martino Buon Albergo. Sono qui da nove anni e devo dire che la collaborazione dei laici è buona». Parecchi sono i gruppi parrocchiali: il Gruppo della Liturgia si occupa dell'organizzazione delle letture delle messe domenicali e nei momenti liturgici particolari; i ministri straordinari dell’Eucarestia, che aiutano il celebrante nelle messe particolarmente affollate e portano la comunione agli ammalati e ai sofferenti. C’è un nutrito Gruppo missionario, che raccoglie fondi per le necessità dei religiosi e dei laici che operano in terre lontane. Un gruppo di trenta persone compone l’Unitalsi, che segue gli ammalati e organizza i pellegrinaggi a Lourdes. Il Gruppo Gite (nato nel 1998, quando il parroco era don Amos) che collabora con l’Unitalsi e con il Grest; lavorano bene anche il Gruppo Sposi e il Gruppo Famiglie. Da non dimenticare la San Vincenzo, che aiuta i bisognosi della parrocchia. Il Coro Piccoli e il Coro dei Giovani curano, il primo, il canto della messa domenicale delle 10 e, il secondo, l’animazione canora della messa prefestiva del sabato sera. Durante la messa di sabato 8 ottobre è stato affidato ai volontari ed ai responsabili dei vari gruppi parrocchiali il mandato ad operare all'interno della realtà che li vede coinvolti. «Per quanto riguarda la catechesi», continua don Alberto, «sono disponibili venti catechisti (due sono maschi e le altre sono mamme) che seguono i bambini della scuola primaria e delle medie». I bambini della scuola primaria che, il mercoledì, frequentano la catechesi sono un centinaio mentre i ragazzi delle medie, il lunedì, sono una trentina. Lo spazio che li accoglie si trova sotto la chiesa, dove sono stati ricavati ambienti adatti e anche un salone polifunzionale. «Il catechismo può sembrare molto tradizionale; in realtà», sottolinea il parroco, «è un dinamico e variegato succedersi di iniziative formative per aderire il più possibile alle esigenze dei ragazzi. I sacramenti dell'Iniziazione Cristiana», continua don Alberto, «vengono amministrati in terza elementare (la Prima Confessione), in quarta (la Prima Comunione) e in seconda media (la Cresima). «Oltre agli incontri con i ragazzi», ricorda il sacerdote, «organizziamo sei appuntamenti annuali con i genitori e in quelle occasioni ho modo di incontrare anche molti adulti che altrimenti non avrei modo di vedere». Se la partecipazione dei ragazzi ai loro incontri non crea problemi, molto più complesso è il rapporto con gli adolescenti che stanno vivendo un momento critico ma anche molto interessante della loro vita: sono un bel gruppo e lavorano con le parrocchie di San Marco e San Giuseppe fuori le Mura. «A partire dalla fine delle lezioni», continua don Alberto, «al Campetto si ritrovano più di 200 ragazzi seguiti da un buon gruppo di animatori, del Grest del Borgo, che viene organizzato in unione con le parrocchie di San Marco Evangelista e di San Giuseppe fuori le Mura. «Questa esperienza di lavoro interparrocchiale», sottolinea don Alberto Carcereri, «è il frutto di un cammino iniziato già da qualche anno e vede soprattutto i ragazzi adolescenti essere i primi fautori di una positiva e fattiva collaborazione ed aggregazione, che ci auguriamo possa coinvolgere anche altri gruppi Ogni anno il Grest fa vivere ai ragazzi esperienze di crescita e di divertimento, in un clima sereno e in un ambiente sicuro». «Io sono contento del lavoro svolto dai volontari del Circolo Noi San Pio X», conclude don Alberto. «Il Circolo è una risorsa fondamentale anche per la parrocchia, visto che favorisce l’incontro ed offre un’opportunità per la responsabilizzazione di coloro che vi lavorano. Nel Circolo gira un sacco di gente: e nelle manifestazioni più affollate molti prestano servizio al di là delle appartenenze religiose».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili
Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»
Al «Gabbiano» i giovani
imparano a volare
L’alleanza degli adulti
che fa crescere i ragazzi
Vitalità e accoglienza: il posto
giusto per giovani e famiglie
La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi