Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

18.03.2018

«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza

Foto di gruppo sulla scalinata della chiesa per gli iscritti al Grest del 2008
Come eravamo: il gruppo giovani di Vangadizza nel 1957I partecipanti alla gara di briscola, che si svolge all’interno della sede del «Ritrovo»La squadra di Vangadizza Alta, che partecipa all’annuale Palio delle contradeIl consiglio direttivo del Circolo Noi «Il Ritrovo»I consiglieri del «Noi» Claudio Vissoli e Lucio Martinelli
Foto di gruppo sulla scalinata della chiesa per gli iscritti al Grest del 2008 Come eravamo: il gruppo giovani di Vangadizza nel 1957I partecipanti alla gara di briscola, che si svolge all’interno della sede del «Ritrovo»La squadra di Vangadizza Alta, che partecipa all’annuale Palio delle contradeIl consiglio direttivo del Circolo Noi «Il Ritrovo»I consiglieri del «Noi» Claudio Vissoli e Lucio Martinelli

Ogni Circolo Noi ha una sua storia e anche una preistoria. Molti, prima di aderire all’Associazione Noi Verona, erano legati all’Anspi ma, spesso, si trattava di oratori parrocchiali con una loro tradizione. Questo è stato anche l’iter del Noi di Vangadizza di Legnago. Infatti, come racconta, Claudio Vissoli, membro del direttivo e responsabile del tesseramento, già negli anni ’70-’80 al piano superiore dell’edificio a sinistra della chiesa risiedevano le suore che gestivano l’asilo, mentre in alcune stanze al piano terra, denominate «Il Ritrovo», già si svolgevano attività aggregative; c’era insomma un nucleo di oratorio. «Venerdì 16 giugno 1986», continua Claudio, «dietro la spinta del parroco don Zefferino Dal Dosso un gruppo di volonterosi, che avrebbero formato il primo direttivo, fondò il Circolo Anspi». Il catechismo si faceva in quelle stanze e in alcuni ambienti della canonica, che abbisognava di una ristrutturazione. Che fu intrapresa da don Zeffirino, con conseguente spostamento della casa del parroco nell’attuale Circolo. «Nella canonica ristrutturata trovarono sede le scuole elementari, poi le medie e la comunità Papa Giovanni XXIII», prosegue Claudio, «e nel novembre del 1997, dopo la scomparsa di don Zeffirino, giunse il nuovo parroco don Lanfranco Magrinelli. Nel 2000 fu inaugurata la nuova sede del Circolo “il Ritrovo” che, il 12 aprile 2002, si associò al Noi di Verona». «Sono sempre stato presente a questi vari passaggi; sono sempre stato membro del direttivo tranne una tornata, perché avevo problemi lavorativi. L’attuale direttivo scadrà l’anno prossimo, ma adesso sono felice che siano entrati parecchi giovani genitori che lavorano e danno garanzia di continuità e sviluppo del Circolo anche per il futuro». Quali iniziative caratterizzano il Circolo? «Se dobbiamo fare un excursus delle attività programmate per l’anno, partiamo dall’Epifania. Quest’anno, purtroppo, a causa delle precarie condizioni di salute di don Vittorino, non abbiamo fatto la breve funzione introduttiva in chiesa; davanti alla chiesa è stato fatto il classico “Falò dela Vècia” con distribuzione delle calze ai bambini e bevande calde per tutti. Alla fine di gennaio abbiamo fatto la Giornata del tesseramento: presentazione del bilancio e cena offerta a tutti i partecipanti soci tesserati e non. È sempre buona la partecipazione e la presenza si stima sempre intorno alle 120 persone». A proposito, quanti sono i tesserati? «Siamo circa 400 e, per un paese di 1.900 abitanti, è un buon risultato. È quasi il 20% della popolazione». Le altre iniziative? «Per Carnevale sono state organizzate due serate; una per i ragazzi delle elementari con i genitori e l’altra per quelli delle medie senza genitori. Ci siamo incontrati prima di Pasqua per fare dei lavoretti». E veniamo al 25 aprile. «Quest’anno ci sarà la settima edizione del Palio delle contrade. È una iniziativa simpatica che prevede alle ore 9.30 l’alzabandiera e l’inno nazionale, due parole per spiegare soprattutto ai ragazzi il significato patriottico della festa, quindi si dà il via ai giochi che vedono contrapposte le due contrade: la “Contrà alta” (Vangadizza nord fino alla superstrada) con colore rosso e la “Contrà bassa” (Vangadizza sud dalla superstrada in giù) con colore bianco, che competono rievocando giochi della tradizione contadina. Dopo il pranzo la gara continua; alle ore 18 la premiazione: ai vincitori viene data una coppa, agli altri una coppa di quelle che si affettano...». Aggiunge Vissoli: «La seconda domenica di maggio a Vangadizza festeggiamo la sagra patronale. Si chiama patronale ma di patronale non c’è nulla perché il patrono di Vangadizza sarebbe l’8 settembre perché la parrocchia è dedicata a Maria Bambina. Ma da sempre si festeggia la seconda domenica di maggio anche in coincidenza con la Festa della mamma. Il Circolo Noi organizza la pesca di beneficenza nella sala parrocchiale. Il ricavato va interamente alla parrocchia, detratte le spese». Non può mancare una manifestazione sportiva: «Dall’inizio di giugno fino a tutto luglio ci sono i tornei di calcio e pallavolo. Siamo alla terza edizione del “Torneo di calcio sotto le stelle”. In realtà si svolge contemporaneamente anche un torneo di pallavolo tra squadre di adolescenti che partecipano ai vari campionati nei paesi limitrofi». Anche quest’anno, verso fine luglio, il circolo Noi organizza la sesta «Serata sotto le stelle», «coinvolgendo ragazzi e famiglie che passano tutta la notte sotto le tende nello spazio tra il campo sportivo e la canonica. L’anno scorso abbiamo invitato il Circolo Astrofili di Legnago con le sue attrezzature e telescopi: hanno spiegato gli astri e le leggende a loro legate». Claudio Vissoli ricorda velocemente gli altri impegni che coinvolgono il Circolo di Vangadizza. «Con il Gruppo Avis abbiamo organizzato una pesca per recuperare fondi con lo scopo di restaurare la sala “Il Ritrovo” vecchio; con la nostra tessera garantiamo l’assicurazione a tutti i partecipanti al Grest e ai campi estivi. A San Martino organizziamo la “Maronata” e la gara di briscola per ragazzi e genitori. In prossimità del Natale facciamo una serata per realizzare lavoretti natalizi e, dulcis in fundo, programmiamo ogni anno il “Concorso dei presepi”». Come si può notare, il programma è denso e faticoso da realizzare per il Circolo Noi. «Ma lo scopo è ammirevole: riempire di contenuti sani il tempo libero offrendo opportunità di condivisione, di amicizia e di incontro fraterno secondo gli insegnamenti evangelici». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili
Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»
Al «Gabbiano» i giovani
imparano a volare
L’alleanza degli adulti
che fa crescere i ragazzi
Vitalità e accoglienza: il posto
giusto per giovani e famiglie
La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi