24 febbraio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

26.11.2017

«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà

I ragazzi partecipanti al campo giovani «Noi in gioco» pronti per il pranzo
I ragazzi partecipanti al campo giovani «Noi in gioco» pronti per il pranzo

Il Circolo Noi «Il Faro» di Roncolevà (Trevenzuolo), in questi giorni compie dieci anni. Infatti, muoveva i primi passi nel 2006 per la volontà e l'impegno di un gruppo di giovani, stimolati dalla presenza dell'Associazione nelle altre due parrocchie della nascente Unità pastorale di Trevenzuolo e Fagnano. Il loro intento era quello di creare un luogo d'incontro ricreativo, sociale e sportivo. Da qui il nome «Il Faro», un punto di approdo per avvicinarsi a un ambiente con sani principi morali e cristiani. ll parroco di quegli anni era don Franco Bontempo.

Il vecchio cinema-teatro parrocchiale fu totalmente ricostruito e diventò la sede del Circolo, che si affiliò al Noi Provinciale il 19 gennaio 2007; il primo presidente fu Gianluca Borelli. Il direttivo dell'epoca fece una prima indagine sulla realtà sociale e ne individuò i bisogni. Bisognava impegnarsi sui giovani, gli anziani, le famiglie e l'integrazione degli stranieri.

Le prime attività erano rivolte a tutte le fasce di età: tombole, feste per bambini, biciclettate, serate culturali, momenti ricreativi, gite, proiezione di film, incontri di formazione per famiglie. La partecipazione era buona anche grazie ai momenti condivisi con gli altri due circoli dell'Unità pastorale.

Nel 2010 si rinnova il direttivo e presidente diventa Stefano Benedetti. Quali sono stati i primi impegni che vi siete assunti? «Dopo i primi anni dell'“infanzia"», spiega Benedetti, «il Circolo era entrato negli anni della maturità. Per dare risposte puntuali e specifiche alle nuove esigenze della comunità abbiamo elaborato alcuni progetti importanti e sono nati il “Gruppo Sport”, il “Noi in Gioco” con il Campo estivo per ragazzi e giovani, “Expolevà” per momenti di integrazione con le famiglie degli stranieri, serate teatrali e le gite culturali».

Questi progetti, continua il presidente, «sono andati maturando pian piano dopo che avevamo notato come i classici calcetti, il ping pong e i giochi da tavolo non attiravano più i giovani. Così abbiamo iniziato a pensare alla sistemazione degli impianti sportivi, abbandonati da tempo. Ottenuti alcuni aiuti regionali e con fondi del Circolo abbiamo affrontato l'impresa. Nel 2012 abbiamo inaugurato il nuovo campo di calcio e il campo da tennis, entrambi con erba sintetica. Alla giornata inaugurale», conclude Benedetti con soddisfazione, «erano presenti Pierino Fanna e Osvaldo Bagnoli, vecchie glorie del Verona campione d'Italia e l'ex nazionale Damiano Tommasi».

Completata la ristrutturazione, gli impianti sportivi sono passati in gestione al «Gruppo sport» che ha iniziato a sviluppare una serie di iniziative: tornei estivi di calcio maschile a cinque e anche tornei femminili molto apprezzati. Nel campo da tennis sono partiti anche i corsi per bambini e adulti.

«Alcuni membri del direttivo, provenienti dall'associazionismo scout (presente a Roncolevà fino al 1996)», continua nella sua presentazione Stefano Benedetti, «hanno poi costituio il Gruppo “Noi in gioco” dando vita ai campi estivi per i ragazzi dell'Unità Pastorale. Siamo al settimo anno consecutivo; in questo modo durante l'estate ragazzi e giovani tesserati hanno la possibilità di passare una settimana di crescita umana e di fede in un luogo di montagna, accompagnati da un'équipe numerosa e preparata di animatori. I più grandi, invece, hanno affrontato un campo in bici in Val Pusteria e un campo in Sicilia con l'associazione Libera di don Ciotti».

Come detto, altre esperienze coinvolgenti e che offrono l'occasione di maggior conoscenza tra i soci sono le gite. «Siamo passati da passeggiate sui nostri monti della Lessinia a gite di più giorni nelle più belle città d'Italia, da Roma a Venezia e Assisi», ricorda Benedetti. «Per il 2018 è in programma Firenze. Devo ricordare che circa il 30 per cento della popolazione della nostra parrocchia è costituito da immigrati, richiamati dalla richiesta di manodopera nelle campagne o da aziende come Aia. Questa realtà sociale composita ci ha spinti ad un'iniziativa particolare.

«Mentre a Milano nel 2015», ricorda Benedetti, «era in atto l'Expo noi, qui in paese abbiamo organizzato “Expolevà”, un pranzo multietnico preparato da sette nazionalità diverse. I vari concittadini si sono presentati con i costumi tipici e ognuno ha presentato il proprio Paese d'origine. Da qui è nata una maggior conoscenza di queste famiglie che continua nel tempo con aiuti reciproci. Ricordo che fino al mese scorso (ora trasferito per motivi di lavoro) del direttivo ha fatto parte per 5 anni, Daniel, giovane nigeriano».

A Roncolevà non c'è il teatro ma, nel salone polivalente, si organizzano serate teatrali e musicali. «Sono intervenuti personaggi di spicco come Roberto Puliero. Abbiamo ospitato il "Gruppo del Cancel" nel quale recitano ipovedenti e il gruppo Teatrale dell'Università del tempo libero di Isola della Scala, realtà attente al sociale».

Il Circolo «ha un'attenzione particolare per le povertà e le necessità vicine e lontane. Cito due casi abbastanza emblematici: abbiamo un'adozione a distanza con l'Associazione Fratelli Corrà di Isola della Scala e i proventi del canto natalizio della Santa Notte lo scorso anno sono andati alla parrocchia di Arquata del Tronto di don Louis, il quale in primavera è venuto a ringraziarci di persona».

Quali prospettive e aspettative avete per il futuro? «Il futuro ci vedi impegnati a mantenere il quotidiano, che non è poco! Comunque stiamo elaborando grazie all'aiuto di persone competenti e con la collaborazione economica dell'Amministrazione comunale di Trevenzuolo, uno spazio d'incontro per i nostri anziani che non sia solo un momento di gioco della tombola e briscola. Altro aspetto che vogliamo aumentare», conclude il presidente, «è la collaborazione con gli altri gruppi locali. Molti piccoli paesi, e tra questi anche il nostro, stanno spopolandosi. Solo mettendoci insieme si riescono a costruire iniziative valide e partecipate».

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro