20 gennaio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

22.10.2018

«Il Circolo
è la nostra
frontiera»

Originario di Pastrengo, dov’è nato nel 1964, don Domenico Consolini è stato ordinato sacerdote nel 1989. Laureato in latino e greco, ha insegnato nel liceo del seminario. Dopo l’abilitazione è entrato di ruolo nelle scuole superiori. Ha insegnato un anno agli Angeli ma, in seguito, si è licenziato per rimanere parroco. Però dal 2009, è direttore dell’Ufficio Scuola diocesano. Dall’anno scorso è preside della scuola del seminario. Continua a seguire le scuole cattoliche, e in più coordina, a nome della Conferenza episcopale Triveneta, gli Uffici diocesani scuola e la pastorale del Triveneto. Guida la parrocchia di Corno-San Vito dal 2000. «Siamo l’unica frazione di Bussolengo», spiega, «siamo piccoli. La parrocchia conta circa 1.900 abitanti, di cui 1.500 nel Comune di Bussolengo, 400 nel Comune di Verona. Già si capisce dal nome che la parrocchia è nata dall’unione di due contrade. È stata fondata nel 1959. Il primo parroco è stato don Giovanni Battista Benedetti, matematico famoso, che ha pervicacemente chiesto al vescovo, in questa zona marginale, l’erezione di una parrocchia. Inizialmente gli abitanti erano 500 ma lui, grazie al lascito di una vasta area da parte dei fratelli Luigi e Amalia Zaninelli, riuscì a costruire la chiesa e le altre strutture parrocchiali. I due fratelli benefattori hanno lasciato, inoltre, anche il terreno per le scuole elementari, il parcheggio e la scuola dell’infanzia. Quindi, se il paese si è sviluppato, è anche grazie a loro». Quali sono stati gli ulteriori sviluppi? «Il successore di don Benedetti, don Lorenzo Accordini, attuale parroco di Balconi, che ha retto la parrocchia per nove anni, ha completato la struttura del Circolo, ha fondato l’Anspi e ha dato grande vitalità alla parrocchia che, nel frattempo, andava ingrandendosi e si arricchiva di famiglie con bambini. Con la costruzione delle ultime due zone residenziali si sono aggiunte altre 500 persone. La parrocchia, perciò, ha sempre avuto una grande attenzione alla realtà giovanile. Don Lorenzo, oltre a far partire il Circolo Noi, è stato l’iniziatore del Grest, molto sentito dalle famiglie e dalla realtà parrocchiale». Mentre le parrocchie rimangono i parroci cambiano... «Esatto: dal 1997 ha retto la parrocchia don Enzo Nicolis fino al 2000. Poi sono arrivato io. La parrocchia è piccola ma il passato segnato dal grande impegno dei parroci e dalla responsabilità delle famiglie ne ha fatto una parrocchia molto viva. Purtroppo, per quanto riguarda la pratica religiosa, dobbiamo ammettere che siamo nella media: il 20% degli abitanti. Negli ultimi anni abbiamo notato una fatica soprattutto nelle coppie giovani, quelle che hanno i bambini. Quando sono coinvolti direttamente nella messa, che celebriamo una volta al mese con il catechismo, vengono tutti, ma nelle domeniche normali...». Come avete organizzato la catechesi? «Abbiamo ancora quella settimanale, il sabato dalle 9 alle 10. I bambini della prima elementare vengono ogni 15 giorni; poi, dalla seconda elementare alle seconda media, tutte le settimane. Al catechismo partecipano 120 ragazzi: gli adolescenti sono una cinquantina. Abbiamo un bel gruppo di catechiste ma io desidererei coinvolgere anche le mamme. «Una volta al mese, più o meno, quindi 5-6 volte all’anno, invece di fare il catechismo il sabato lo facciamo la domenica; quindi vengono i bambini e i ragazzi alle 9.30 e alle 10.30 facciamo la messa insieme. E poi, se vogliono, si possono fermare a mangiare o a fare un pic nic nel parco o nel circolo. Nel pomeriggio, in inverno, proiettiamo film o organizziamo giochi. Certe parrocchie hanno fatto la scelta del catechismo familiare ma da noi è bello che i bambini vengano, che si vedano, che si trovino, che le famiglie e i genitori siano nei nostri ambienti. Per quanto riguarda il Grest e i campi estivi, tengo a dire che quest’anno abbiamo avuto 162 bambini, una cinquantina di animatori, e ad un certo punto ho dovuto bloccare le iscrizioni, altrimenti saremmo arrivati a 180». Un giudizio sul Circolo Noi... «Certamente positivo: coinvolge tantissime persone e aiuta la parrocchia a tenere un volto giovane con tante attività rivolte ai ragazzi e alle famiglie. Ed è anche la frontiera della parrocchia. Abbiamo anche persone o bambini che non vengono al catechismo perché i genitori hanno fatto un’altra scelta. Sono pochi però, ci sono e vengono al Circolo, vengono al film, oppure ai giochi o al Grest o anche al campo estivo. Abbiamo avuto anche casi di bambini non battezzati che, frequentando il Grest e altre attività, poi hanno chiesto il battesimo e si sono inseriti nel percorso del catechismo. «La terza cosa positiva del Circolo è il coinvolgimento dei laici: è una realtà che portano avanti loro. Come parroco, con gli impegni che ho, non posso essere sempre presente. Quindi gli animatori, gli adolescenti, i responsabili della cucina, delle feste, delle attività culturali e dello sport gestiscono in autonomia le attività. Ogni mese facciamo una riunione di coordinamento, però poi le cose devono andare avanti. Quindi è una forma di responsabilizzazione dei laici». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi