20 gennaio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

17.12.2018

Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano

Don Giorgio Comerlati incontra Papa Francesco
Don Giorgio Comerlati incontra Papa Francesco

Don Giorgio Comerlati è originario di Verona, dove è nato nel 1955. Si è diplomato perito aziendale e ha lavorato per anni. Poi, a 38 anni, il 29 maggio 1993, è stato ordinato prete dall’allora vescovo di Verona, Attilio Nicora. Per sei anni è stato vicario parrocchiale alla Basilica di San Zeno Maggiore, in città. Dal 1999 al 2009 parroco di Cellore; quindi a Cherubine. Da 2017 guida le comunità di Marano, Valgatara e San Rocco. Don Giorgio, oggi parliamo di San Rocco, parrocchia autonoma ma frazione del Comune di Marano, posta in una posizione panoramica stupenda. Ci può illustrare, dal punto di vista economico e civile, quali siano le sue caratteristiche? «La frazione o località di San Rocco si trova ad un’altitudine di 511 metri di quota e ospita una comunità di 250 abitanti. «San Rocco di Valpolicella basa la propria attività sull'agricoltura (uva e vino, ciliegie e olivo). È zona di produzione del vino Valpolicella, dell’Amarone della Valolicella e del Recioto della Valpolicella. Sono anche presenti alcune attività artigianali e un salumificio. Vi sono a San Rocco complessivamente 95 famiglie residenti, per un numero complessivo di 250 componenti. I residenti di età pari a 15 o più anni sono 109; di questi, 104 risultano occupati e 5 adesso sono disoccupati». L’abitato è molto antico, forse esisteva già all’epoca del tempio romano di Minerva: «Fino a un secolo fa era chiamato Santa Manerba. I tre nuclei principali (Convento, a fianco della chiesa; Are, ad est della piazza, la quale è frutto di un ampliamento recente; Toari, verso il Monte Castelon) sono d’impianto medievale con corti rustiche con ingressi ad arco, passaggi coperti e tracce di loggette. Nei muri, specie a Toari, si notano molte pietre ben squadrate che dovevano far parte delle murature del tempio o del castello di Federico della Scala. Fino a qualche decennio fa in una casa era murato un alare in pietra, di quelli in uso nelle casette retiche dell’età del Ferro. A nord della piazza prospetta la malga che il paese ha restaurato e utilizza come luogo di ritrovo e di eventi culturali (Filosofia in malga a fine maggio)». Dal suo punto di vista pastorale come giudica la comunità di San Rocco? «La chiesa di San Rocco è stata totalmente rifatta e ampliata nel 1950, quando fu istituita la parrocchia. La religiosità della comunità di San Rocco è quella tipica dei paesini di mezza montagna della Valpolicella, legata alle tradizioni popolari, con una frequenza alla messa domenicale del 30-35 per cento, superiore alla media nazionale. Mentre per i sacramenti dell’iniziazione cristiana c’è ancora la totalità delle richieste da parte dei parrocchiani che chiedono di ricevere tutti i sacramenti della tradizione cristiana. L’animazione della messa è curata da alcune persone che guidano i canti e si prestano per le letture». Come avete organizzato la catechesi per i bambini, i ragazzi e gli adolescenti? «Dato l’esiguo numero di bambini e di catechiste, la catechesi per i bambini delle classi elementari, medie e adolescenti di San Rocco si svolge a Marano. La scadenza è settimanale e gli ambienti sono quelli della canonica di Marano». Quali iniziative aggregative organizzate durante l’estate? «Per quanto riguarda lo svolgimento delle attività e iniziative, c’è il Grest unificato a Valgatara e ci sono i vari campi scuola per le diverse fasce di età, per tutte e tre le parrocchie del comune di Marano». Ci può spiegare la funzione che svolge il Circolo Noi nell’ambito della comunità di San Rocco e un giudizio complessivo della sua attività... «La funzione a San Rocco è quella di affiancare il parroco in un’attività che è più di competenza del mondo dei laici», sottolinea don Comerlati. «L’associazione Noi si ispira ad una visione cristiana della vita e, a buon diritto, può collaborare alla vita della comunità, a livello formativo, educativo, ricreativo, culturale e sportivo. Il Noi di San Rocco accoglie e aggrega tutti i suoi soci, cercando nuovi collaboratori per svolgere sempre meglio la sua attività». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi