22 febbraio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

19.11.2017

Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»

Il teatro San MartinoIl partecipanti al torneo delle piste PolistilAlcuni partecipanti alla festa di Carnevale
Il teatro San MartinoIl partecipanti al torneo delle piste PolistilAlcuni partecipanti alla festa di Carnevale

È una persona in gamba, don Daniele. Un sacerdote aperto e disponibile al dialogo. Lo incontriamo nel Circolo il giorno stesso della festa patronale di San Martino, al quale è dedicata la chiesa parrocchiale di Povegliano. Ordinato sacerdote nel 1991, è stato subito destinato, per la sua prima esperienza pastorale, a Villafranca e, in seguito, nella parrocchia di San Massimo. La sua apertura al mondo e alla missione lo ha poi portato in Brasile come missionario, dove è rimasto per 12 anni. Al suo rientro in diocesi nel 2013 è stato destinato a Povegliano per sostituire don Osvaldo Checchini, l'attuale parroco di Lonato, che tutti conoscono per la sua passione per la bicicletta.

A Povegliano ci sono 7.250 residenti, ma la comunità cristiana non coincide con la popolazione. Infatti i cosiddetti «praticanti», coloro che frequentano regolarmente la chiesa e vivono lo spirito della comunità, sono solo il 20 per cento. «Ho rilevato un forte legame con la chiesa e le sue tradizioni», dichiara don Daniele, «soprattutto nella fascia delle persone anziane. In loro la visione religiosa della vita è molto radicata. Le nuove generazioni, invece, fanno fatica a coniugare la vita quotidiana con la frequenza della comunità e dei riti».

Queste sono le considerazioni che molti sacerdoti in cura d'anime fanno a proposito della comunità che è loro affidata. Ciò nonostante il loro impegno non viene meno e si dedicano alla missione dell'evangelizzazione con grande dedizione, a cominciare dai bambini e ragazzi, senza trascurare gli adolescenti e i giovani.

«La catechesi che porta ai sacramenti dell'iniziazione cristiana», continua il parroco, «si sviluppa attraverso una serie di incontri settimanali e coinvolge circa 350 bambini e ragazzi delle elementari e medie. La frequenza è pressoché totale e vede interessati anche una quarantina di adulti catechisti.

«I ragazzi della scuola primaria si incontrano il mercoledì e il giovedì, quelli delle medie il venerdì sera. Anche per gli adolescenti offriamo le proposte formative e aggregative la domenica sera, mentre gli incontri per i diciassettenni-diciottenni, nel loro cammino chiamato “biennio della fede”, avvengono il martedì o mercoledì sera».

Questa molteplice attività catechistica si svolge negli ambienti parrocchiali (aule sotto la chiesa, nei cortili, nel teatro e nella sala del circolo Noi) e dura tutto il periodo occupato dalle lezioni scolastiche. «Durante l'estate, per cementare l'amicizia tra i ragazzi e creare un maggior spirito di comunità, la parrocchia, con la collaborazione del circolo Noi e del Comune che mette a disposizione le strutture delle scuole elementari, organizza il tradizionale Grest e i campi scuola estivi. Queste iniziative», sottolinea il parroco, «raccolgono il plauso di tutte le famiglie e vedono la partecipazione di un folto gruppo di ragazzi. Il Grest, per esempio, mobilita più di 500 persone tra ragazzi, animatori giovani e adulti; i campi scuola estivi, in luglio e agosto, raccolgono l'adesione di parecchi ragazzi dagli 11 anni in su».

La vita di una parrocchia, però, non consiste solo nella catechesi. È una comunità di fede, ma anche una «macchina» complessa guidata dal parroco insieme con il Consiglio Pastorale parrocchiale e gli organismi amministrativi. In questo contesto sono operative molte aggregazioni con finalità specifiche e peculiari. «Sono i gruppi che rendono viva la parrocchia e che manifestano la sua “mission” evangelica e caritativa», spiega don Daniele. «Innanzitutto voglio ricordare i 15 ministri straordinari dell'Eucarestia che distribuiscono il SS. Sacramento agli infermi e ammalati. Importante è il ruolo della San Vincenzo e del gruppo “Verso gli altri” che incarnano l'aspetto caritativo della nostra comunità; l'équipe dei Battesimi; i Gruppi Missionari Senior e Junior; il gruppo dell'Unitalsi che organizza pellegrinaggi per gli ammalati.

«Le nostre funzioni religiose», precisa don Daniele, «godono del supporto del Coro Giovani e del Piccolo Coro San Martino composto dalle bambine e del Gruppo dei chierichetti. Prezioso è anche il lavoro del gruppo del giornalino parrocchiale “La sorgente”. Per ultimo voglio citare il gruppo dei campanari, sono una decina, che hanno una storia secolare e provvedono al suono delle campane secondo un'antica tradizione tipicamente veronese».

«Come si può notare», conclude il parroco, «siamo una comunità viva con legami di fraternità profonda, anche se statisticamente siamo minoranza. Siamo, però, come il lievito nella pasta.G.B.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro