Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

04.09.2018

«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»

Don Lanfranco Magrinelli guida la parrocchia dei Ss Zenone e Martino di Lazise dal settembre dell’anno scorso; viene dalla parrocchia della Croce Bianca, dove era stato dal 2014 al 2017. Don Lanfranco è soavese d’origine ed è stato ordinato sacerdote nel 1980. Dopo aver prestato la sua opera pastorale a Monteforte per sei anni, nel 1987 è andato in missione a Mavoloni, in Kenia. Dieci anni di fruttuosa esperienza prima di tornare in diocesi; inviato come parroco a Vangadizza vi rimase otto anni e, nel 2000, inaugurò la nuova sede del Circolo Noi «il Ritrovo» che ha fortemente voluto. La sua esperienza pastorale è continuata per altri nove anni a San Giovanni Lupatoto, fino al 2014. Don Lanfranco parla del paese come di una realtà dall’economia essenzialmente turistica, che è la fonte della ricchezza delle famiglie. I genitori, impegnati durante l’estate nell’accoglienza degli ospiti, chiedono alla parrocchia se è possibile, il più possibile, di curare i loro figli. «Non si tratta di parcheggiare i ragazzi. La nostra azione consiste nell’accoglierli e, con l’aiuto degli animatori e aiuto-animatori, offrire un prodotto educativo che consiste nei campi scuola e nel Grest. Anche l’amministrazione comunale va incontro a questa esigenza delle famiglie e organizza, con noi, un suo Grest utilizzando il Centro giovanile parrocchiale in luglio. Da alcuni anni a questa parte, però, si è aggiunto anche un Grest parrocchiale. Perciò alle settimane di luglio se ne sono aggiunte altre, e i nostri campi scuola. In pratica sono due mesi di lavoro a tempo pieno al Noi». Quanti sono i ragazzi che partecipano alle attività estive? «Qui a Lazise, tenendo conto anche delle due realtà di Pacengo e Colà, in luglio arriviamo a superare quota 300 tra animatori e ragazzi; il Grest parrocchiale di agosto, invece, raggruppa circa 150 tra ragazzi e animatori». Che tipo di religiosità ha trovato qui a Lazise? «Il paese è influenzato da questo ambiente turistico che si situa tra il lavorativo e il godereccio; quindi da un lato c’è il bisogno di lavorare e dall’altro c’è il desiderio di divertirsi. È chiaro che la chiesa è una cosa e la fede è un’altra, però sembra che oggi sia più importante la chiesa, perché offre alcuni servizi nelle occasioni importanti della vita. Per la fede sembra che non ci sia tempo di riflettere e manchi la volontà di educare i desideri più profondi che sono i soli che ci fanno intravvedere l’importanza di Dio nella vita. Per questo sto pensando ad alcune iniziative, vediamo se si riuscirà a farle partire. «Dal punto di vista della parrocchia ho visto che il mio predecessore ha lavorato moltissimo sulla sensibilità missionaria», spiega don Lanfranco, «e quindi la comunità parrocchiale è molto generosa verso i lontani e le missioni; tuttavia, a livello generale, la società manca di questa sensibilità e non mi sembra molto aperta all’accoglienza anche se è traversata da buoni gruppi di volontariato, avanti però negli anni. Da due anni la parrocchia, con la Caritas, paga l’affitto per un appartamento nel quale ci sono quattro immigrati. Devo dire, a questo proposito, che riguardo all’inserimento non possiamo dirci soddisfatti; dobbiamo migliorare e non pensare che l’integrazione sia una cosa facile». Tornando alla comunità, quanti sono i praticanti? «Dobbiamo distinguere tra i residenti e i turisti che in estate sono la gran parte. La presenza dei residenti alla messa durante l’estate cala, mentre aumenta quella dei turisti; in inverno la presenza alle funzioni si aggira sul 10-12%. C’è bisogno di lavorare sulle giovani coppie, sull’evangelizzazione, rilanciare le attività degli adolescenti e entrare a contatto con i ragazzi. Qualcosa stiamo facendo. Vedremo se ci saranno frutti». Di fronte a questa situazione lei ha pensato qualche strategia? «Sto pensando a tre direzioni: a livello di giovani con qualche proposta anche sportiva che stiamo già attuando; ma anche coinvolgendo i ragazzi delle superiori a dare una mano alle catechiste. Inoltre sto pensando ad una proposta di cammino umano, di amicizia e di fede per le famiglie. Si potrebbe vedersi una volta al mese, poi da cosa nasce cosa...». «La terza è un cammino di fede aperto a tutti gli adulti. Vorrei diminuire gli incontri dei genitori in occasione dei sacramenti, che è visto come un balzello, e fare, a tutti coloro che vogliono, la proposta di cammini di fede non in maniera catechistica, ma che sia riflessione sulla vita, illuminata dalla parola di Dio». Come avete organizzato la catechesi dei bambini? «Per dirlo in maniera sintetica: la catechesi è quindicinale, un'ora alla settimana. Ci sono le classiche catechiste; o meglio, sono più mamme che catechiste. Magari non sono ben preparate da un punto di vista didattico, ma sono più vicine alla sensibilità dei ragazzi e sanno capirli meglio. Abbiamo distribuito i ragazzi su tre fasce; seconda e terza elementare, quarta e quinta e poi le medie. Tenteremo di fare un incontro due classi alla volta, insieme all’inizio. Così anch’io li vedo insieme, posso portarli alcune volte in chiesa, si può dire una preghiera insieme, si può trasmettere maggior senso della comunità. Non è un indottrinamento, ma è un avvicinamento alla realtà fisica della chiesa e del luogo dove la gente si trova a pregare». Cosa significa la presenza del Circolo Noi nella parrocchia? «È una grande risorsa da sfruttare al meglio. Bisogna stare attenti, però, che il Circolo non diventi di un gruppo. Soprattutto quando c’è una continuità, dall’esterno si può pensare che il Noi sia solo di qualcuno. Invece bisogna trovare occasioni, come già si sta facendo attraverso incontri culturali, per cercare di coinvolgere i genitori, che non devono solo essere fruitori delle proposte del Circolo, ma devono diventare parte integrante e pensante del Noi. È un po’ difficile capire perché questo non avvenga ancora in maniera compiuta, però dobbiamo trovare dei ponti perché lo scopo del Circolo è aggregativo e formativo». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili
Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»
Al «Gabbiano» i giovani
imparano a volare
L’alleanza degli adulti
che fa crescere i ragazzi
Vitalità e accoglienza: il posto
giusto per giovani e famiglie
La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi