Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

09.04.2018

Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi

Il parroco di Sant’Agostino, don Silvio Zonin
Un gruppetto di partecipanti alla gita a Roma dell’estate 2017Il parroco con i bambini del catechismoQuattro ragazze con i ramoscelli di olivo alla festa delle Palme
Il parroco di Sant’Agostino, don Silvio Zonin Un gruppetto di partecipanti alla gita a Roma dell’estate 2017Il parroco con i bambini del catechismoQuattro ragazze con i ramoscelli di olivo alla festa delle Palme

Don Silvio Zonin è originario di Buttapietra, dove è nato nel 1950. È stato ordinato sacerdote nel 1974 ed è stato destinato a Vigasio per tre anni. Quindi, per altri 6 anni, ha lavorato a Montorio e un anno, di passaggio, l’ha trascorso a San Nicolò. Dopo 11 anni a San Nazaro è stato trasferito come parroco a Vallese e dal 2009 è a Villafontana. Qual è la situazione sociale, economica e culturale? «Non è facile rispondere, anche perché si esigerebbe una conoscenza del territorio... che è molto più ampio dei confini della Parrocchia di Villafontana. La quale, per altro, è un crocevia di tre Comuni: la parte di Isola della Scala, prevalentemente agricola e con circa 300 abitanti;quelle di Oppeano e Bovolone, con circa 600 abitanti ciascuno, sviluppata sotto il profilo artigianale. Già questa spartizione – storica e con alle spalle un tentativo di unificazione fallito qualche anno fa – dice tutta la problematicità di un territorio, che ha a che fare con tre Amministrazioni, le quali devono comunque fare i conti con servizi da prestare, cittadini da servire, problemi da affrontare». Ad esempio? «Il problema dell’edilizia scolastica. L’edificio adibito da decenni alla scuola primaria, la scorsa estate – vuol dire a Ferragosto! - è stato dichiarato inagibile per motivi di sicurezza. Si è imposta, dalla sera alla mattina, la necessità di trovare una struttura adatta allo scopo, per salvaguardare la presenza delle elementari. Una presenza che, come è risaputo, non può essere cancellata facilmente dal punto di vista istituzionale». «La Parrocchia è stata interpellata», sottolinea don Zonin, «qualche settimana prima dell’inizio dell'anno scolastico, e si è trovata in una situazione a dire poco sconcertante. Un consulto rapido con le famiglie e gli amministratori ha condotto inevitabilmente ad optare per la soluzione provvisoria di mettere a disposizione gli ambienti di sua proprietà, così come si trovano, proponendo una convenzione per un uso temporaneo e parziale, in modo da poterli usare, per quanto possibile, anche per le attività pastorali. Ovviamente la scomparsa della scuola primaria segnerebbe un declino culturale deleterio. Anche perché abbiamo finora mantenuta in vita la scuola dell'infanzia, frequentata ed efficiente, unica di ispirazione cattolica in tutto il territorio amministrato da Bovolone». Spiega il parroco: «Lo sforzo che stiamo facendo è quello di salvare la cultura che, insieme con il campanile, cioè la religiosità e la vita cristiana della popolazione, può realmente imprimere nel territorio una qualità di vita diversa dalla sola produttività. «Dal punto di vista economico, Villafontana in questi ultimi dieci anni ha risentito fortemente della crisi. In questa zona cominciava l’artigianato del mobile, che per 40 anni ha qualificato e arricchito il nostro territorio. Adesso molte aziende hanno chiuso, si sono spostate o trasformate, e le maestranze sono state costrette ad emigrare». La situazione religiosa? «La pratica è ancora discreta. Gli adulti ci sono e abbiamo un buon nucleo di fedeli praticanti e convinti. Direi che frequenta il 20%. La religiosità è quella tradizionale, fondata sulla partecipazione all’Eucaristia, la preghiera, la devozione mariana. A questo proposito posso dire che c’è una forte sensibilità e spiritualità. Organizziamo ogni anno pellegrinaggi ai grandi santuari mariani e siamo alla seconda edizione di una settimana di evangelizzazione e di preghiera mariana. Quest’anno avremo con noi, nella nostra chiesa, la reliquia del Santo Papa Giovanni Paolo II con l’Icona della Madonna di Czestokowa, l'ultima settimana di maggio. L’anno scorso abbiamo ospitato l'effigie della Madonna di Fatima, con una partecipazione straordinaria di fedeli e di iniziative. Direi che la Parrocchia risponde con interesse alla proposta mensile – che prosegue da quattro anni – di una liturgia di evangelizzazione e di guarigione. L'incontro è aperto a tutti ed è apprezzato anche al di fuori dei suoi confini. La catechesi e le attività estive? «La catechesi per i ragazzi delle elementari e delle medie è offerta regolarmente, tutto l’anno, da un buon gruppo di catechiste, preparate e intraprendenti. Il loro impegno è encomiabile; si preparano con professionalità e competenza, sono attente, seguono i ragazzi, cercano di coinvolgere e interessare i genitori nel modo migliore. «Sono coordinate dai responsabili del Noi, che, a loro volta, organizzano le attività “di completamento”: l’Acr, il Grinv, vale a dire alcune giornate invernali durante le vacanze natalizie, intessute di formazione e giochi, il Grest (un mese intero, d’estate, dalla mattina alla sera, in cui sono coinvolti circa 120 ragazzi, tra partecipanti e animatori, con di tutto e di più) e il doposcuola, una attività che coinvolge una ventina di ragazzi, con pranzo e attività pomeridiane, offrendo sicurezza, serenità, formazione». E la funzione del Circolo Noi? «Se non ci fosse il Noi, e chi lo guida con competenza, passione e tempo, non ci sarebbe niente, o quasi, di quanto detto sopra! Il Noi ha una funzione eminentemente educativa, formativa e organizzativa. La scelta fatta e consolidata dai responsabili, in questi anni, è di qualità e di seria impostazione umana e cristiana. Direi che è il fiore all'occhiello della nostra piccola comunità. Piccola come numeri, ma responsabile, qualificata e attiva». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili
Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»
Al «Gabbiano» i giovani
imparano a volare
L’alleanza degli adulti
che fa crescere i ragazzi
Vitalità e accoglienza: il posto
giusto per giovani e famiglie
La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi