Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

14.05.2018

Campalano, gli
anziani sono
protagonisti

Una sfida a briscola fra alcuni amici del Circolo Noi
Una sfida a briscola fra alcuni amici del Circolo Noi

I Circoli del Noi sono realtà associative che nascono in situazioni socio-culturali completamente diverse. Ogni Circolo, pertanto, vi si adegua e sviluppa delle caratteristiche peculiari, che lo rendono unico. Pur mantenendoinalterate le finalità statutarie da perseguire, che sono la condivisione del tempo libero per creare comunità, l’apertura alla realtà sociale con l’intento di svilupparvi la fraternità secondo gli insegnamenti evangelici. Anche a Campalano è avvenuto lo stesso fenomeno. Innanzitutto per quanto concerne le strutture che, dal 2001 con l’arrivo in parrocchia di don Giovanni, hanno trovato posto nella vecchia canonica. «In questi ambienti siamo partiti subito con l’Anspi», spiega il presidente Roberto Rossi, pensionato sessantottenne, «all’inizio del 2002. Madurante il corso dell’anno abbiamo rifatto e aggiustato lo Statuto e siamo passati al Noi. Con la nascita del Circolo il mondo della collaborazione e del volontariato, che ruotava intorno alla parrocchia, ha subìto un leggero sconvolgimento e si è instaurato un nuovo modo di collaborare. Abbiamo anche iniziato, con l’entusiasmo dei neofiti, a proporre delle iniziative che hanno avuto un buon riscontro nella popolazione. «Bisogna tener presente che il nostro circolo ha nella frazione di Caselle, che con Campalano forma un’unica parrocchia, anche altre strutture che servono soprattutto per le attività sportive. Infatti, nei primi anni», continua Roberto, «abbiamo organizzato anche il Grest; ma con il venir meno del volontariato siamo stati costretti dal 2009 adabbandonare questa attività estiva». In questi ultimi anni si è anche assistito ad uno strano fenomeno, «quello della trasmigrazione presso il nostro Circolo di molte persone che non risiedono a Campalano. Non sto a rivangare le cause della disaffezione di alcuni vecchi iscritti, ma le nostre proposte trovano ancora ascolto e siamo un punto di riferimento per le famiglie e, soprattutto, per gli anziani». Il presidente Rossi è al suo secondo mandato. Evidentemente il lavoro svolto in precedenza è stato apprezzato dagli associati e ha il riconoscimento generale dei membri del Consiglio direttivo. «Guidare un gruppo affiatato come il nostro direttivo», sottolinea Rossi, «è motivo di soddisfazione e più ancora mi dà gioia il fatto di notare come vengano volentieri a partecipare alle nostre proposte gli associati». «In questi anni», interviene il vicepresidente Vasco Rizzi, «i nostri ambienti hanno subito non poche trasformazioni. Abbiamo voluto renderli più accoglienti attraverso un’opera di ristrutturazione interna che ci ha visti impegnati come muratori e carpentieri. I vecchi muri inmattoni e i soffitti sono stati coibentati e ricoperti con pareti in cartongesso totalmente ridipinte. Ancora noi, trasformati in idraulici, abbiamo dotato le stanze di riscaldamento (anni fa si andava avanti con le stufe) e l’intera struttura con due servizi igienici. E, per le nostre necessità conviviali che, talvolta chiudono i vari incontri abbiamo attrezzato a regola d’arte e in conformità alle norme sanitarie, una cucina. Il nostro impegnoconsiste anche nel garantire le pulizie interne ed esterne. Insomma la gestione di un Circolo è un impegno.Ma noi ce lo addossiamo volentieri perché lo sentiamo come un servizio alla comunità oltre che agli associati». Una voce femminile, quella di Renata Ferro, segretaria e tesoriere del Circolo Noi San Gregorio, entra più in profondità ad illustrare l’attività associativa. «La popolazione di Campalano sta invecchiando », spiega, «e la maggioranza dei nostri associati è composta da anziani. Questo fenomeno non è solo locale ma èmolto diffuso.Nonper niente i ragazzi della nostracomunità, associati al Circolo e che frequentano il catechismo, sono solamente 37, mentre i restanti93sono quasi esclusivamente anziani. «Noi, sapendo che dal punto di vista psicologico questa fascia della popolazione è particolarmente fragile e vive spesso in condizioni di solitudine o di isolamento, cerchiamodi offrire loro delle opportunità di incontro e di condivisione dimomentiaggregativi. Perciò organizziamo, la domenica pomeriggio, delle tombolate o delle gare di briscola che spesso si concludono con piacevoli momenti conviviali e notiamo una buona partecipazione. Talvolta, in occasioni particolari, apriamoil Circolo anche il venerdì pomeriggio. «Qualcuno obietterà», si giustifica in anticipo Renata Ferro, «che l’attività del Circolo è piuttosto ridotta. Io, però, rispondo che compatibilmente con le disponibilità dei membri del direttivo e la risposta degli associati, il nostro impegno non manca e pensiamo di svolgere un buon servizio alla comunità ». E continua: «Accogliamo spesso anche un gruppo di avieri, tutti tesserati, che si incontrano per le loro riunioni e pensiamo che questa apertura ad altre associazioni sia un modo di fare un servizio agli altri». Anche Angela Ambrosi, membro del Direttivo, partecipa alle iniziative del Circolo e presta volentieri la sua opera in occasione del Natale e della Festa della mamma. «Qualche tempo prima di queste ricorrenze», racconta, «invitiamo i bambini delle scuole elementari al Circolo e prepariamo dei lavoretti che verranno dati alle famiglie a Natale e allemammein occasione della loro festa. «Cerco di essere presente anche quando ci sono le tombolate degli anziani. Ai vincitori distribuiamo dei premi che non consistono certo in soldi, ma in alimenti e detersivi. La cosa più esilarante è notarecomele persone anziane, quasi come i bambini, stiano attente a che i premi distribuiti abbiano pari valore. Devono essere tutti uguali altrimenti sono polemiche, la classica tempesta in unbicchier d’acqua. Ci si può divertire anche con poco». Insomma, una piccola realtà sociale e piccolo Circolo Noi. Ai ragazzi, più vivaci e mobili, l’offerta arriva dalle strutture catechistiche e sportive a Caselle. Agli anziani, più stanziali, si offrono invece opportunità di incontro in loco secondo le loro attese.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar
Il Circolo? «Una
grande risorsa
educativa»
«Il Ritrovo» fa
muovere tutta
Vangadizza
Don Vittorino:
«I gruppi fanno
crescere la fede»
Gioia e idee,
qui l’importante
è partecipare
Tutto in famiglia:
la fede s’accende
stando insieme
«Bar dei preti»,
qui batte il
cuore del paese
«Il Noi rende concreto
quel che dice il Vangelo»
«Noi», officina
delle idee e
spirito vincente
La forza del
volontariato fa
crescere la parrocchia
«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere
Giovani e famiglie,
un’intesa vincente
Spazi e idee: è
questo il «cuore»
del paese
Bussolengo vince
la sfida della
solidarietà
Una Chiesa aperta a
tutti che aiuta e produce idee
Il sogno di don
Guerrino è realtà
A Garda si fa di tutto
per crescere insieme
Lanterne, risotti e solidarietà
«Vince lo spirito del Vangelo»
La fiducia fa bene alla collaborazione
Tutto a misura
di famiglie, e il
bar non serve
Coltivare le buone
relazioni fa crescere
la partecipazione
Porto e Canove,
qui l’alleanza
è ricreativa
Incontri, Grest e campi
scuola per mettere
i giovani al centro
Due «motori» per la solidarietà
Un paese di
campanari al
centro della musica
L’alleanza con figli
e genitori decisiva
per rilanciare la fede
Lo spirito giusto
che fa crescere
Avesa
Noi al plurale
per essere
davvero comunità
Foroni: «Le associazioni sono
state decisive per il rilancio»
«Coinvolgere i laici per vincere
l’indifferenza globalizzata»
Don Franco punta sui ragazzi
e investe su famiglie e gruppi
Porte sempre aperte
ai piccoli e ai grandi
«Il punto di riferimento? Siamo Noi»
«Una presenza che
dona energia vitale al paese»
«Il Faro» da dieci anni illumina Roncolevà
Punto prelievi, la sfida sociale
è occuparsi dei pazienti fragili
Don Daniele: «Noi siamo
come lievito nella pasta»
Al «Gabbiano» i giovani
imparano a volare
L’alleanza degli adulti
che fa crescere i ragazzi
Vitalità e accoglienza: il posto
giusto per giovani e famiglie
La forza dei gruppi fa crescere
l’aggregazione e la catechesi