Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2018

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

28.01.2018

A Garda si fa di tutto
per crescere insieme

I partecipanti alla tombolata dell’Epifania, classica iniziativa del Circolo NoiFamiglie e ragazzi del Circolo di Garda davanti alla casa vacanze in Lessinia, a San Giovanni in LoffaI bambini del Grest durante una passeggiata sulla Rocca di Garda
I ragazzi delle scuole medie durante il Grest organizzato con il contributo dell’AvisRose in regalo per la Festa della mamma al Circolo NoiIl presidente Alfredo Michelon
I partecipanti alla tombolata dell’Epifania, classica iniziativa del Circolo NoiFamiglie e ragazzi del Circolo di Garda davanti alla casa vacanze in Lessinia, a San Giovanni in LoffaI bambini del Grest durante una passeggiata sulla Rocca di Garda I ragazzi delle scuole medie durante il Grest organizzato con il contributo dell’AvisRose in regalo per la Festa della mamma al Circolo NoiIl presidente Alfredo Michelon

Il Circolo Noi Garda è nato nel 2005. Dal 2008 il presidente è Alfredo Michelon, dinamico sessantottenne che lo guida da due mandati. «Credo che alla fine del mio mandato lascerò il posto ai giovani, che sono cresciuti all'interno del Circolo», dichiara il presidente, «infatti la gestione del Circolo è alquanto impegnativa e servono forze fresche. Ci tengo a sottolineare, però, che la responsabilità della gestione non è tutta sulle spalle del presidente; anzi la collaborazione degli associati è stata fondamentale e costante». Quali ambienti avete a disposizione per realizzare il vostro progetto associativo? «La struttura è della parrocchia e al Circolo Noi sono stati concessi in comodato d'uso alcuni ambienti che utilizziamo per i nostri incontri, la segreteria e il piccolo bar aperto il martedì e il giovedì; la domenica mattina diventa punto di riferimento e d'incontro, dopo la messa delle 10.30, per i ragazzi e le loro famiglie. Usiamo anche alcuni locali dell'ex oratorio femminile, l'attuale Centro giovanile, ristrutturato nel 2011. Lì ha sede la cucina con una sala mensa, che funge anche da salone polivalente. Al secondo piano, quando organizziamo conferenze con molto pubblico o incontri conviviali per gli associati, usufruiamo di un altro salone. All'aperto», continua il presidente, «è a nostra disposizione il parco ai piedi della Rocca: ci sono due gazebo fissi e un campetto di calcio. Questo spazio ci è di grande aiuto soprattutto durante il Grest». Prima di iniziare la descrizione delle attività annuali del Circolo Noi è il caso di ricordare che «da dicembre 2016 il ricreatorio è stato aperto il primo e il terzo sabato del mese per permettere ai ragazzi di imparare a stare insieme, utilizzando i giochi in scatola. Una vera novità anche perchè sono guidati da esperti». Ma veniamo alle iniziative che avete proposto nell'anno appena trascorso... «Nell'autunno e nell'inverno scorsi il Noi, in collaborazione con l'associazione genitori e con l'amministrazione comunale, ha proposto un cineforum in quattro serate dal tema "Genitori crescono". Gli argomenti trattati riguardavano le problematiche dell'educazione e crescita dei ragazzi e il ruolo dei genitori in queste sfide. È stato un vero successo per la partecipazione e i dibattiti che hanno seguito le proiezioni (media 50/60 persone). Anche quest’anno stiamo ripetendo questa esperienza che è partita con la prima proiezione il lunedì 4 dicembre scorso». Nel frattempo, aggiunge Michelon, «durante il periodo natalizio avevamo lanciato il concorso dei presepi con premiazione degli iscritti nella Sala congressi, che ci è stata messa gratuitamente a disposizione dall'amministrazione comunale, che ringraziamo di cuore. A seguire la consueta tombolata con la partecipazione di numerose famiglie e adulti». In primavera e in autunno, su iniziativa di alcuni genitori, e con l'aiuto delle mamme, «sotto la guida di un esperto pizzaiolo, i ragazzi delle elementari hanno fatto esperienza di come viene fatta e cotta la pizza. Analoga esperienza per la pasta fatta in casa, per i Sanvigilini e i dolcetti di Santa Lucia. La partecipazione è stata di circa 15 bambini per ogni corso». In aprile il Circolo Noi ha promosso la tradizionale Festa di primavera, animata dai genitori dei ragazzi con la caccia al tesoro; hanno partecipato circa 90 bambini, mentre a maggio è stata celebrata la Festa della mamma con una grande grigliata. «Un’altra iniziativa, che è quasi connaturata in noi abitanti sul lago, si è svolta nei mesi di maggio-giugno in collaborazione con la Scuola del Remo», ricorda il presidente: «diversi ragazzi/e dai 10 anni in su hanno avuto l'occasione di poter provare questa esperienza e una decina di essi ha deciso di proseguire con questa attività». L’impegno maggiore che il Circolo Noi affronta durante l’estate è l’organizzazione del Grest. «Già in marzo e aprile coloro che faranno gli animatori frequentano dei corsi preparatori organizzati dalla parrocchia. Il Grest dura due mesi e si svolge in due sedi, nella scuola dell’infanzia e nel complesso della pieve per i ragazzi della scuola primaria e delle medie. Il Grest è un servizio che la parrocchia e il Circolo Noi offrono ai genitori durante la stagione in cui sono occupati nel lavoro stagionale più importante, quello del turismo. La giornata è ben organizzata dal mattino alle otto fino alle 16 del pomeriggio tra momenti di gioco nel parco e laboratori nelle aule. Vengono offerte ai bambini la merendina della mezza mattinata e il pranzo. Dopo la merenda del pomeriggio ha inizio il grande gioco. «La mensa e le attività legate al Grest sono state condotte in modo ottimale grazie alla direzione della cucina di Domenico Pozzani e Flavio Peretti. Una volta alla settimana facciamo una gita in uno dei parchi acquatici e una passeggiata a piedi. Quest’anno abbiamo avuto la fortuna di avere come collaboratore spirituale don Alberto Montalegre, studente di diritto canonico a Roma. Ma i nostri sentiti ringraziamenti vanno a suor Cecilia per la grande dedizione e collaborazione». Il Grest ha un responsabile con il quale collaborano i cinque animatori aiutati, a loro volta, da venti altri adolescenti. «I genitori apprezzano la nostra offerta dal momento che sono almeno 120 i ragazzi delle elementari e medie e una cinquantina i bambini della scuola dell’infanzia», chiarisce Michelon. «La festa conclusiva del primo mese del Grest si è svolta a fine luglio per tre giorni sul lungolago in collaborazione con l’Avis. A fine agosto la grande festa di conclusione del Grest si è tenuta nel parco». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1