Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
12 novembre 2018

Redazionali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

04.09.2018

Al via giovedì
“Il Settembre
dell’Accademia”

A cura di Publiadige

Al via giovedì al Teatro Filarmonico “Il Settembre dell’Accademia”, con una delle più prestigiose orchestre del mondo: la Staatskapelle Dresden.

 

Senza eccezione alcuna, le orchestre ospiti del “Settembre dell’Accademia sono tra le migliori del sinfonismo classico internazionale, affiancate da bacchette e solisti di grande talento e richiamo. Sono nove i concerti del cartellone principale al Teatro Filarmonico (uno più dello scorso anno) e nove quelli del ciclo La città in concerto (tre più dell’anno scorso), per quasi due mesi di attività, dal 27 agosto al 22 ottobre.

Giovedì la Staatskapelle di Dresda sarà diretta dal newyorkese Alan Gilbert, a cui si affianca la affascinante georgiana Lisa Batiashvili per l’esecuzione del lirico Concerto per violino n. 2 di Prokof’ev. Nella seconda parte la Sinfonia n. 1 di Gustav Mahler, una “opera-mondo” di fine Ottocento che pur nel suo romanticismo acceso fa affiorare inedite aperture alla modernità.

Il 12 settembre sarà il gran giorno del debutto di Martha Argerich a Verona, una delle più grandi interpreti del secolo (scorso e attuale). Argerich ha sostenuto in questi anni la creazione e la circolazione della Youth Orchestra of Bahia, diretta da Ricardo Castro, un’orchestra giovanile che offre ai ragazzi delle favelas brasiliane un futuro diverso rispetto a quello della strada. Il 17 settembre la Filarmonica della Scala ritrova sul podio Myung-Whun Chung, che dirigerà la Sesta e Settima Sinfonia di Beethoven.

Il concerto del 22 settembre ospita la Philharmonia Orchestra di Londra diretta da Esa-Pekka Salonen lo scorso anno ebbe un successo vivissimo ed è stata per questo reinvitata. Il direttore finlandese aprirà il concerto con il notturno Verklärte Nacht di Arnold Schöenberg, a seguire la Settima Sinfonia di Anton Bruckner.

Anche la Mahler Chamber Orchestra è un gradito ritorno al Settembre dell’Accademia. Il 30 settembre l’orchestra fondata da Claudio Abbado, di cui mantiene orgogliosamente l’impostazione e la lezione di esemplare chiarezza, proporrà Mozart (Adagio e fuga e Sinfonia concertante), la drammatica Sinfonia da camera Op. 110a di Šostakovič e una cantata di Bach.

Il 6 ottobre debutta a Verona il vincitore del Concorso Chopin di Varsavia del 2005 Rafał Blechacz. Operazione nostalgia per il concerto del 15 ottobre con la Glenn Miller Orchestra a rinverdire i fasti dell’epoca dello swing. Il titolo è Jukebox Saturday Night, un pretesto per ascoltare le canzoni anteguerra del celebre Glenn Miller, con l’intervento del gruppo vocale Moonlight Serenaders.

Chiude il festival una delle orchestre “di casa” del Settembre dell’Accademia, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, diretta da Mikko Franck e con la presenza della star del violoncello Sol Gabetta, che suonerà il raro Concerto in re minore di Édouard Lalo. Dalla bacchetta di Franck ascolteremo poi la più amata, la più romantica delle sinfonie di Sibelius, la Seconda.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1