Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

28.02.2012

Viaggio nel corpo umano, ora è possibile

Scienza/ Viaggio allucinante nel corpo umano, ora è possibile
Micro-robot autonomo percorre i vasi sanguigni
Scienza/ Viaggio allucinante nel corpo umano, ora è possibile Micro-robot autonomo percorre i vasi sanguigni

Roma. La ricercatrice Ada Poon, della Stanford School of Engineering, ha messo a punto un dispositivo medico in grado di viaggiare all'interno dei vasi sanguigni lungo tutto il corpo umano. Una "micro-navicella" robotizzata alimentata attraverso onde radio che può essere guidata nel corpo del paziente. Le caratteristica di maggiore interesse del super-endoscopio sono la fonte energetica e il sistema che ne garantisce la mobilità. Al posto di relativamente ingombranti batterie o micromotori difficili da controllare, la dottoressa Poon ha utilizzato onde elettromagnetiche per "pilotare" il dispositivo dall'esterno del corpo del paziente. Il trasmettitore esterno e l'antenna del dispositivo si connettono attraverso un campo elettromagnetico: in tal modo una modifica nel flusso di corrente de trasmettirore genera una differenza di potenziale nella bobina di rame integrata nel ricevitore, che a sua volta fornisce energia al dispositivo e lo fa muovere secondo le istruzioni dell'operatore. Il dispositivo di Ada Poon, è in grado non soltanto di fornire indicazioni utili per le diagnosi, ma soprattutto può assistere un medico in un intervento endoscopico non invasivo. Il micro-robot arriva anche dove le normali sonde non possono, "interviene" per riparare il danno e poi viene espulso attraverso lo stesso percorso compiuto in senso contrario.

Fus
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1