22 gennaio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

04.10.2018

Paraplegico di nuovo
in piedi grazie
a stimoli elettrici

Dagli stimoli elettrici una speranza per le persone colpite da paralisi
Dagli stimoli elettrici una speranza per le persone colpite da paralisi

Una stimolazione elettrica a livello della colonna vertebrale, unitamente a parecchie sedute di fisioterapia ha fatto sì che un uomo paralizzato dal 2013 in seguito a un incidente sulle piste da sci sia riuscito a rimettersi in piedi e a camminare con l’assistenza e poi, progressivamente, in modo parzialmente più autonomo. Reso noto sulla rivista Nature Medicine, è il traguardo messo a segno dai clinici della Mayo Clinic e dell’Università di Los Angeles. LIBERTÀ DI MOVIMENTO. L’uomo non è guarito dalla paralisi ed ha bisogno della stimolazione elettrica per muoversi, ma questo studio mostra che in linea di principio è possibile restituire parziale libertà di movimento a pazienti anche gravemente paralizzati. Il giovane, ora 29enne, ha iniziato il suo percorso di recupero nel 2016: i medici gli hanno impiantato uno stimolatore elettrico al di sotto del danno vertebrale che lo aveva reso paralizzato dal torso in giù. PROGRESSIONE E AUTONOMIA. Poi con sedute di fisioterapia e assistenza dei clinici, facendo esercizio su un tapis roulant o aiutandosi con un deambulatore il giovane è riuscito a rimettersi in piedi a mantenere un certo equilibrio e anche a muoversi, riducendo via via il bisogno di assistenza. Resta da capire in che modo funzioni la stimolazione elettrica (il meccanismo d’azione del metodo resta tutto da scoprire) e su quali pazienti una simile strategia riabilitativa potrebbe funzionare. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1