Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

03.05.2018

Ore di sonno?
Giuste se vi
sentite riposati

Ore di sonno? Giuste se vi sentite riposati
Ore di sonno? Giuste se vi sentite riposati

Dormire il giusto, secondo i ritmi che ognuno predilige, significa migliorare e mantenere attive le capacità del nostro cervello. A prescindere dal fatto che si sia allodole, pronte a mettersi in piedi alle prime luci dell’alba, o gufi, incapaci di prendere sonno prima delle ore notturne. Ogni persona deve dare al corpo ciò di cui ha bisogno. Il riposo notturno è una sorta di «recupero» per il cervello. Durante il sonno ad onde lente, il cosiddetto sonno non Rem, i neuroni stimolati in veglia nel corso di un processo di apprendimento sembrano rinforzare i loro collegamenti. «Uno dei ruoli fondamentali e più studiati del sonno Rem è favorire i processi di apprendimento, in particolare favorisce il consolidamento della memoria a lungo termine», spiega Lino Nobili, direttore del Centro del Sonno dell’Ospedale Niguarda di Milano. «Tuttavia anche il non-Rem interviene in questi processi ed è necessario che ci siano entrambi per un buon "storaggio” della memoria. La regolare alternanza tra non Rem e Rem facilita il passaggio delle memorie dall'ippocampo alla regione frontale». Attenzione, però: «godere» della fase in cui si sogna, appunto la Rem, è molto importante per sentirsi meglio al risveglio. Se ci si sveglia da un bel sogno, ci si sente meglio, più rapidamente svegli. Questo perché nella fase Rem il cervello funziona in maniera molto simile alla veglia. Però è fondamentale che ogni persona raggiunga la sua igiene del sonno e rispetti le proprie regole. «Ognuno ha il suo ritmo e una sua quantità di sonno "giusta"», riprende Nobili. «Quale? Occorre valutare come ci si sente di giorno: se si riesce a rimanere attenti, senza sonnolenza o stanchezza significativa probabilmente le ore di sonno sono sufficienti».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1