Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

09.08.2018

No al fumo, sì
al sesso: i consigli
per un cuore al top

Una sessualità sana, senza «aiuti» come alcol e cocaina, protegge dalle malattie cardiovascolari
Una sessualità sana, senza «aiuti» come alcol e cocaina, protegge dalle malattie cardiovascolari

Per un cuore in salute niente fumo e in vista dell’ estate l’ attività sessuale come toccasana. Il primo suggerimento arriva da uno studio guidato dalla Bjrknes University College di Oslo, in Norvegia, pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, che ha revisionato 29 ricerche precedenti per un totale complessivo di oltre 667mila persone coinvolte, arrivando alla conclusione che fumare aumenta del 32% il rischio di sviluppare un disturbo del ritmo cardiaco chiamato fibrillazione atriale (con un rischio medio che aumenta del 14% ogni 10 sigarette fumate al giorno). Il secondo consiglio arriva invece dalla Federazione francese di Cardiologia che, in vista della stagione estiva, che offre più tempo libero da dedicare al proprio benessere, invita a non trascurare l’ attività sessuale. Come sottolinea Francois Carrè, cardiologo dell’ospedale universitario di Rennes, «i benefici della regolare attività sessuale per il cuore sono molti: il rapporto sessuale rappresenta uno sforzo fisico moderato paragonabile alla salita di 20 scalini a ritmo sostenuto. Come qualsiasi attività fisica, aiuta a muovere il miocardio, cioè il muscolo cardiaco, che elimina le tossine dal corpo». Un rapporto sessuale ha inoltre virtù anti-stress e anti-depressione grazie al rilascio di una moltitudine di ormoni (serotonina, dopamina ed endorfina) durante l’orgasmo». Mentre la professoressa Claire Mounier-Vehier, presidente della Federazione francese di cardiologia, evidenzia che « l’ attività sessuale è un elemento importante della qualità della vita, anche nel paziente con problemi cardiaci e il suo partner. Mantenere o riprendere il sesso dopo un infarto è importante per la coppia, agendo sia sul piano fisico che su quello morale» . Per questo è bene parlarne col medico. Non va dimenticato, inoltre, che i problemi legati alla sfera della sessualità possono essere segnali di allarme cardiovascolare, da prendere molto seriamente. Tuttavia, sottolineano gli esperti, nemmeno eccedere con l’ attività sotto le lenzuola fa bene: il cuore è anche un muscolo e come tale va allenato, non a caso chi pratica attività sportive o semplicemente compie regolarmente del movimento (bastano 30 minuti per 3-4 volte a settimana) ha prestazioni migliori. All’opposto, attività sessuali sporadiche e troppo intense fanno male, chiariscono i cardiochirurghi, soprattutto se associate al consumo di alcol o cocaina, che inducono a perdere il controllo e compiere sforzi eccessivi, con esiti anche gravi. La cocaina inoltre provoca la morte delle cellule del miocardio, il tessuto del cuore, e aumenta la richiesta di prestazioni, spingendo a superare pericolosamente i limiti fisiologici. Meglio allora una sessualità senza «aiuti», con una frequenza di 3-4 volte a settimana, che protegge dall’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1