Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
16 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

09.02.2012

In aumento
continuo
le allergie
pediatriche

Latte, uova, pesce, crostacei, frutta secca, ma anche mango, sesamo e quinoa. Il numero degli alimenti che provocano allergie è in continua crescita e complessivamente si stima che ne soffra il 3% della popolazione generale, e il 6-8% dei bambini sotto i 2 anni. Ma sono in crescita anche le allergie alimentari ’rarè, tanto che la Società di allergologia e immunologia pediatrica (Siaip) sta lavorando per istituire un loro registro. Ne hanno parlato i pediatri riuniti a Milano per il Meeting internazionale sulle allergie pediatriche.
«L’allergia alimentare in età pediatria ha una prevalenza media del 5% - spiega Alberto Martelli, primario di pediatria dell’ospedale Salvini di Garbagnate (Mi) - ma gli ultimi studi ci fanno supporre che non si sia raggiunto il picco massimo di diffusione nelle società occidentali». Oltre agli alimenti più comunemente noti per provocare allergie, è in aumento il numero di quelli ’etnicì o non autoctoni che scatenano allergie, che per diffusione rimangono rare, cioè sotto i 5 casi ogni 10mila. «Queste allergie alimentari rare - continua - arrivano o tramite i bambini stranieri, allergici ad alimenti per noi rari, o con cibi etnici importati e che si sta iniziando a consumare anche qui». Tra i casi di allergie rare ci sono quelle allo zafferano, al basilico, alla quinoa, al sesamo o al mango. «Visto che non sappiamo quante sono e quali sono con esattezza - aggiunge - come Siaip abbiamo deciso di creare un registro, cui faranno riferimento i vari centri allergologici quando identificheranno queste allergie». Vi sono poi alimenti ritenuti comunemente causa di allergia frequente e che invece non lo sono, «come il cioccolato, dove è più facile che il soggetto sia allergico a latte o frutta secca - conclude - e le fragole, che danno reazioni più di tipo locale».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1