Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

21.06.2018

Estate in salute
Quali medicinali
mettere in valigia

Farmaci in valigia
Farmaci in valigia

La più banale e frequente, seppur fastidiosa, è forse l'eritema solare, seguita dalla «diarrea del viaggiatore». Problematiche di salute non gravi, certo, ma in grado di rovinare una vacanza che poteva essere memorabile. E pensare che basterebbero pochi accorgimenti in termini di prevenzione per mettere al sicuro le agognate ferie. Questo il senso di «Farmacia in viaggio», la campagna promossa per il terzo anno dalle 586 Farmacie specializzate di Farmacisti Preparatori (sono sette nel Veronese), pronte a offrire, per tutto il periodo estivo, consulenze personalizzate e materiale informativo sui rischi maggiori quando si viaggia e sulle precauzioni da seguire, sulle norme igieniche, su cosa mangiare, sui farmaci e i prodotti salva-vacanza, per pianificare viaggi con consapevolezza e in completa sicurezza, a seconda della meta, dell'itinerario pianificato e del tipo di viaggiatore.«Un esempio su tutti», spiega Santo Barreca, amministratore della rete che ha realizzato sul tema un manualetto destinato ai vacanzieri con la collaborazione di Simonetta Neri, farmacista esperta in Medicina dei viaggi. «Non serve mettere in valigia tanti medicinali per precauzione, ma è molto meglio portarne con sé pochi, adeguati però alle proprie esigenze e al Paese di destinazione».Buona norma, spiega il farmacista, è mettere sempre in valigia almeno del paracetamolo, del disinfettante, dei fermenti lattici e una pomata che possa alleviare le scottature. Ma la «check list dei farmaci» va completata con medicinali ad hoc, a seconda della destinazione. «Nelle zone malariche o in viaggi nella Foresta Amazzonica, per esempio, può essere vitale un repellente antizanzare da spruzzare anche sui vestiti, che altrove sarebbe inutile. Se ci si avventura in escursioni di diverse ore in luoghi dove non c'è acqua, meglio prevedere, per chi deve assumere farmaci continuativi, una versione orosolubile. In generale, sempre meglio prtare con sè anche un disinfettante in salviette».Tra le regole d'oro del viaggiatore, infine, c'è quella di stipulare prima di partire una polizza di assicurazione sanitaria, che può offrire una copertura in caso di emergenza sanitaria in paesi dove l'assistenza medica ha costi molto elevati o dai quali è preferibile essere velocemente trasferiti o rimpatriati con vettori speciali. «Chi ama roccia, attività subacquee, rafting, può pensare anche a una polizza infortuni».

Elisa Pasetto
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1