Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute

05.04.2018

«Dolci? Solo uno
nelle 24 ore
E mix di nutrienti»

La frutta? Può essere «nascosta» nei dolci MARCHIORI
La frutta? Può essere «nascosta» nei dolci MARCHIORI

«Vietare dolci, hamburger e merendine? Non serve: meglio educare i bambini a sapori diversi, come quello della frutta e della verdura, magari nascondendo gli ingredienti meno graditi dai piccoli dietro colori e forme divertenti (vedi ricette a lato). Nel frattempo, occorre puntare sulla varietà». Parola di Francesca Tomasselli, dietista, consapevole che è inevitabile che l’alimentazione sia anche una forma di piacere e gratificazione. Via libera, quindi, a un alimento dolce al giorno, purché il resto sia un mix equilibrato di alimenti ad ogni pasto. Ecco i suoi suggerimenti. COLAZIONE. Yogurt o latte a cui aggiungere pane e marmellata o biscotti secchi. Cereali? «Sì, purché non siano glassati o al cioccolato». MERENDA MATTINA. Frutta o yogurt. PRANZO. Come primo, alternare nel corso della settimana pasta, risotto o minestrone; per il secondo scegliere fra carne, pesce, uova, formaggi e legumi. Obbligatoria una porzione di verdura, mentre il pane (non condito) non è indispensabile. Terminare con un frutto. MERENDA POMERIGGIO. Crackers da accompagnare a frutta o yogurt e a pane e marmellata. In alternativa un gelato. CENA. Solo un primo o un secondo piatto, alternando le varie fonti di nutrienti. Sì anche ai carboidrati, meglio se sotto forma di patate, purè o polenta. Un frutto. La pizza o un’uscita al fast food? «Non più di una volta a settimana». • E.PAS.

Elisa Pasetto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1