Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Tecnologie

12.09.2018

Incidenti stradali
"Via il cellulare
ai colpevoli"

La distrazione al volante è la nuova emergenza sulle strade
La distrazione al volante è la nuova emergenza sulle strade

Sequestrare per un mese il cellulare o il tablet di chi, al volante, è riconosciuto responsabile di omicidio colposo o di lesioni gravi in incidenti stradali provocati dalla distrazione per l’uso di dispositivi mobili. È l’idea lanciata su Asaps.it, il portale dei sostenitori e degli amici della Polizia stradale. Proprio la distrazione è la nuova emergenza sulle strade: alle cause degli incidenti concorrono infatti sempre più, oltre all’alta velocità, l’utilizzo di smartphone e tablet mentre si è al volante. «Siamo connessi 24 ore su 24», spiega Roberto Sgalla, direttore della Polizia Stradale, «e non accettiamo più di non esserlo alla guida». Un fenomeno che è in crescita tra i giovani. «Le multe e la perdita dei punti», sottolinea Giordano Biserni, fondatore dell’Asaps, «non spaventano. Dovremo proporre il sequestro per un mese del cellulare?». Gli esiti di incidenti stradali con lesioni gravi o gravissime, se non mortali, in qualche modo correlati e/o provocati da conducenti che durante la conduzione del veicolo hanno fatto uso di dispositivi elettronici quali smartphone, hanno indotto alcune Procure della Repubblica ad emanare direttive rivolte alla polizia giudiziaria, al fine di disciplinare le modalità con cui procedere agli accertamenti urgenti per verificare l’uso di tali apparecchi ed all’eventuale sequestro in quanto fonti di prova. Secondo l’Asaps, tuttavia, resta aperta la questione della «distrazione» derivante dall’attivazione di auricolari e/o dispositivi «viva voce», ma anche la possibile «disattenzione» dalla guida correlata all’impiego di display touch screen, sempre più presenti nei nuovi veicoli».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1