Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 21 settembre 2018

Dal "fai da te"
ai concessionari
Guida all'usato

Guida all'usato

È tempo di vendere la vecchia auto e rinnovare il garage. Un momento che a tutti capita di vivere almeno una volta nella vita, accompagnato da dubbi, incertezze, soddisfazioni e oggi più che mai particolarmente ricco di opzioni e possibilità che possono rendere questo passaggio anche abbastanza caotico.Prima distinzione: si vende o si compra? In caso di vendita, l'ipotesi più favorevole al portafogli è sicuramente quella di procedere in autonomia. I siti che permettono interscambio tra privati sono molti, quelli che vanno per la maggiore sono Autoscout24.com, specializzato in veicoli di ogni tipo, e Subito.it, che ha migliorato l'aspetto legato ad auto e simili negli ultimi anni.Curate nel dettaglio la vostra inserzione, scattate foto di qualità e soffermatevi pure sui dettagli, ma non dimenticate di provvedere ad immagini della vettura su ogni lato. Non lanciatevi in descrizioni troppo fantasiose, siate sinceri, illustrate le caratteristiche del vostro modello con trasparenza. Il principio che vale è quello di mettersi nei panni di chi comprerà: acquistereste un'auto con gli interni sporchi e maleodoranti? O ancora spendereste soldi per un'auto con gomme finite, revisioni da fare o con i controlli periodici non verificati?Esistono poi anche modalità che interpongono degli intermediari tra voi e il potenziale acquirente. Un esempio è noicompriamoauto.it, che acquista la vostra auto per poi rivenderla, ma esistono anche agenzie che proporranno la vostra auto tenendola comodamente in garage fino all'avvenuta vendita, parte della quale resterà all'agenzia. Ultima ipotesi, spesso meno conveniente, quella di vendere l'auto al concessionario da cui acquisterete la nuova vettura.Se invece siete in procinto di acquistare un veicolo usato, allora occorre tutta un'altra strategia. Anzitutto è da decidere se acquistare da privati o da concessionari e rivenditori. Nel primo caso occorre molta attenzione, non tutti sono onesti, ma se avete dimestichezza meccanica o qualcuno che può consigliarvi, spesso i migliori affari si fanno in questo modo. Dedicate tutto il tempo necessario all'analisi della vettura, non fatevi mettere fretta, pretendete di provarla non solo per un breve giro nel quartiere, ma anche su strade a scorrimento veloce per notare ogni reazione dell'auto.Se acquisterete da rivenditore, potrete invece beneficiare di una garanzia sul veicolo usato, ma a parità di chilometri e stato dell'arte della vettura, il prezzo sarà un po' più alto rispetto a quanto potreste trovare da privati. Valutate sempre se il prezzo è congruo, ci sono diversi siti che vi consentono di farlo combinando chilometraggio, dotazione, accessori e tagliandi eseguiti.In ogni caso, attenzione al contachilometri, che non è sempre affidabile perché potrebbe essere stato «ritoccato». Per questo motivo controllate l'usura dei sedili, delle plastiche, della pedaliera, della pelle del volante o della leva del cambio. Sono accorgimenti che possono farvi individuare un potenziale raggiro.«Gli uffici dell'Automobile Club della vostra città», aggiunge il direttore dell'Automobile Club Verona Riccardo Cuomo, «possono esservi di grande aiuto ancor prima di effettuare le pratiche per il passaggio di proprietà. Per chi ha individuato un'auto usata da acquistare, con il solo numero di targa sarà possibile effettuare una visura Pra, che permetterà di stabilire se l'auto è soggetta a fermi amministrativi, mentre con un estratto cronologico potrete ricostruirne la storia dei vari proprietari, passaggio fondamentale per tutelarsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA