Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Auto

27.06.2018

Wagon di famiglia
Volvo rilancia
il segmento

Chi ha detto che le station wagon sono sul viale del tramonto? Di certo non Volvo, che nel segmento delle familiari medio-grandi rilancia con la nuova V60, che non nasconde diverse somiglianze estetiche e tecniche con la sorella maggiore V90. Le dimensioni sono più generose rispetto al passato anche se non extra large: 4,76 metri di lunghezza – tredici centimetri in più rispetto alla versione precedente – 1,85 metri in larghezza e passo da 2,87 metri. Più che buona la capacità di carico che varia dai 529 ai 1.364 litri a seconda della disposizione dei sedili. Nel baule non mancano soluzioni molto pratiche come il piano rialzabile – già adottato sulla XC40. Gli interni sono curati anche nei dettagli, la tecnologia abbonda, soprattutto in fatto di sicurezza, come da tradizione per la casa svedese. Tra l’equipaggiamento si trovano infatti tra l’altro innovativi sistemi alla guida e l’autopilota che se necessario interviene in aiuto del conducente per esempio per il mantenimento di corsia, distanza di sicurezza e della velocità. Tra i dispositivi ci sono il City Safety, che in caso di emergenza permette alla vettura di frenare automaticamente per evitare eventuali collisioni. Ma ci sono anche il Run-off Road Mitigation, che riduce le possibilità di impatto in caso di uscita dalla carreggiata, o l’Oncoming Lane Mitigation, che avverte il conducente in caso di sconfinamento dalla corsia di marcia correggendo la traiettoria del veicolo. L’intrattenimento informatico è garantito invece dall’impianto Sensus, compatibile con Apple CarPlay, Android Auto e i dispositivi 4G, che consente di rimanere sempre connessi. Il sistema viene gestito attraverso uno schermo touch tipo tablet estremamente intuitivo. Ma una delle novità più rilevanti si nasconde sotto al cofano: per la V60 sono previste infatti due varianti ibride plug-in, con motori a benzina a trazione integrale T6 e T8 rispettivamente con potenze di 340 e 390 cavalli, che arriveranno il prossimo inverno e nella primavera 2019. Tornando ai propulsori più tradizionali, già da settembre - quando verrà lanciata sul mercato la station scandinava – si potrà scegliere tra il T6 da due litri a benzina e 310 cavalli e due diesel, il D3 da 150 cavalli e D4 da 190 cavalli. I prezzi del listino italiano partiranno da poco meno di 40mila euro per la versione D3 a gasolio, fino agli oltre 55.500 euro del top di gamma (aspettando le ibride che avranno prezzi tra i 56 e i 59mila euro), la T6 a benzina da 310 cavalli. In Italia arriverà a settembre. È possibile ottenerla anche attraverso un servizio in abbonamento pagandola con un canone fisso mensile invece che acquistarla. 

Emanuele Zanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1