Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Auto

06.06.2018

Prestazioni da urlo
e ali di falco
Tesla «vola»

Tesla Model X, la tipica apertura ad «ali di falco», in verticale, delle portiere posteriori
Tesla Model X, la tipica apertura ad «ali di falco», in verticale, delle portiere posteriori

Emanuele Zanini Prestazioni da urlo e tecnologia avveniristica, tutto a emissioni zero. È il mondo Tesla. L’occasione per mettere alla prova le super car elettriche della casa americana fondata dall’imprenditore visionario Elon Musk è stata un evento organizzato dall’azienda Axel di Pescantina nella propria sede, da cui sono stati organizzati test drive con i due gioielli di Tesla, il suv Model X, e la berlina Model S. Scenografica e mastodontica la Model X lascia a bocca aperta per tanti motivi: dalla mirabolante apertura ad ali di falco (e non di gabbiano) delle porte posteriori, all’immenso spazio a bordo, dove possono essere ospitate cinque, sei o sette persone, in base ai gusti del cliente. Avvicinandosi all’auto le portiere si aprono da sole, per chiuderle basta premere il pedale del freno. Appena seduti al posto guida domina l’immenso parabrezza che prosegue anche sulla parte anteriore del tetto, mentre la plancia è occupata quasi interamente da un gigantesco schermo centrale da 17 pollici, da dove si controllano tutte le infinite funzionalità dell’auto, tra l’altro costantemente collegata a internet, con tecnologie all’avanguardia. Su strada il suv elettrico a stelle e strisce è entusiasmante. A partire dall’accelerazione fulminea: con la 100D in prova, da fermo, si toccano i cento chilometri orari in poco più di quattro secondi. Prestazioni ottenute grazie ai due motori elettrici con trazione integrale che sviluppano quasi 540 cavalli per una coppia da 660 Nm (Newton metri) disponibili tutti dal primo metro. La tenuta di strada è decisamente fuori dall’ordinario. Anche forzando la mano la vettura è incollata a terra, curve veloci o lente, rotonde o cambi di direzione improvvisi non la scompongono di un millimetro. Che non è poco, se si considerano le misure extra large della Model X che supera i cinque metri di lunghezza, ma soprattutto la stazza, per oltre 2,2 tonnellate di peso. Il discorso è simile, ma non uguale, per la Model S, provata nell’allestimento P100D. A cambiare qui è soprattutto l’abitacolo, più raccolto, quasi da sportiva. Le prestazioni sono addirittura ancora più esaltanti, grazie al pacchetto performance e al Ludicrous, un dispositivo che fa letteralmente volare la berlina statunitense. Lo zero-cento viene bruciato in meno di tre secondi. Un’accelerazione da brividi che fa rimanere incollati al sedile. Su entrambi i modelli in prova l’autopilot dà una grossa mano ad avere tutto sotto controllo e perfino a permettersi qualche distrazione. Ma parlando di auto elettriche non si può non parlare dell’autonomia: che arriva a seconda delle versioni e della capacità e potenza delle batterie fino a 500 chilometri. Le vetture possono essere caricate sia nella presa di casa che nelle colonnine presenti ormai in molti esercizi commerciali e ricettivi, ma soprattutto nel supercharger di Tesla disseminati lungo la penisola, soprattutto al Nord, con cui in venti minuti è possibile caricare per almeno 250 chilometri di autonomia. Infine i prezzi, anche quelli stratosferici: pur partendo da 82mila euro per la «base» S e da quasi 94mila per la X, è un attimo superare di slancio i 150mila euro. •

Emanuele Zanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1