Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Auto

05.09.2018

Positività dei brand
Mini e Smart
i più «simpatici»

Il 91% degli acquirenti di Mini è di sesso femminile
Il 91% degli acquirenti di Mini è di sesso femminile

Chi guida una Mini, ma anche una Tesla o una Smart, viene considerato positivamente dagli altri utenti, quasi allo stesso livello di chi siede al volante di un’Audi, una Seat, e una Toyota. È quanto risulta da un’indagine eseguita in Germania da Progenium che, interrogando un campione di utenti, ha tracciato una classifica della positività delle varie marche automobilistiche e di altre prerogative dei diversi utenti a seconda della vettura che possiedono. Sulla base delle interviste risulta che chi possiede una Ferrari ha un reddito mensile medio di 18.100 euro, una Jaguar 6.700 e una Porsche 6.200 mentre la media della disponibilità degli automobilisti (sempre secondo la valutazione degli utenti) è di 2.900 euro al mese. La marca Toyota guida la classifica della clientela più attenta all’ambiente (seguita da Smart, Tesla, Renault e Hyundai) ed è sempre Toyota al primo posto della speciale classifica dell’atteggiamento positivo e mai arrogante. È seguita a un solo punto percentuale da Renault e da 2 punti da Fiat, mentre seguono Ford, Dacia, Peugeot, Seat e Hyundai. La ricerca di Progenium ha poi identificato l’età media dei proprietari dei diversi brand, con una media di 40 anni e la fascia più matura al volante delle Jaguar (48 anni) al pari di Mercedes, seguite da Volvo, Porsche e Ferrari (tutte a quota 45), da Opel (42) e da Ford, Dacia, Tesla e Renault, tutti a quota 41. Mini, con il 91% di acquirenti di sesso femminile, distacca le inseguitrici - Smart 80%, Fiat 61%, Seat e Peugeot 55% - mentre Ferrari e Jaguar dominano con il 98% il mondo maschile, seguite da Porsche (97%) e Mercedes (96%). 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1