20 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

12.01.2019

Vietato l’ingresso ai cinghiali
anche se accompagnati

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Il mio Gino - scrive la Olga - è allarmato perché i cinghiali sono arrivati anche al bareto. «Dentro al bareto?» gli ho chiesto. «No, fora - mi ha risposto - El l’à visti ieri sera el Marzemino Brusalitri. "I g’avéa serte proboscidi", l’à dito. "Sito sicuro che i fusse cinghiali?" la g’à domandà la Beresina tuta spaentà. "Come no! - el g’à risposto el Brusalitri - Se no fusse sobrio podarìa aver visto ’na roba par n’altra, ma sicome son imbriago, crédeme che g’ò visto giusto"». E le proboscidi? Sul serio el Brusalìtri gli ha visto anche le proboscidi? ho chiesto al mio Gino. «Sui dettagli el pol èssarse sbalià - mi ha risposto - ma al bareto i ghe crede tuti, tanto che l’oste Oreste l’à tacà fora el cartèl "Divieto di ingresso ai cinghiali anche se accompagnati"». Questa storia dei cinghiali affamati che, scendendo dalla Valpantena, stanno invadendo la città mi preoccupa. Tanto più che leggo su "L’Arena" che attraversano le strade senza alcuna prudenza causando incidenti stradali anche gravi. Penso a me e al mio Gino che, per non respirare lo smog della città, qualche domenica andiamo in Val Squaranto e torniamo giù col buio. Dubito che il mio Gino, che l’è orbo come ’na ténca, possa vedere un cinghiale che gli attraversa la strada. L’ambientalista Bebo Zanna Gialla sostiene che dobbiamo abituarci a convivere con gli animali selvatici e che se vediamo un lupo o un cinghiale in piazza Bra o in via Mazzini non dobbiamo spaventarci ma cercare di familiarizzare e magari scambiarci gli indirizzi. Lo stesso Bebo sta lavorando a un progetto che ha lo scopo di introdurre il leopardo nei nostri boschi come "antagonista naturale" del cinghiale, escludendo che l’uomo lo sia, quando invece sappiamo tutti che alla Trattoria dai Onti ogni giovedì sera si mangia polenta e cinghiale, "cengiàl" come si chiama nel nostro dialetto che però non lo differenzia dal porco domestico anche se, come dice el Busalitri, ha la proboscide. I tempi sono cambiati. Una volta per vedere un cinghiale bisognava andare in Maremma mentre adesso se non chiudi bene la porta ti entra in casa. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1