Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 marzo 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

16.02.2017

Un concorso di idee
per un traforo mignon

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Al bareto - scrive la Olga - continua a tener banco la questione del buso delle Toresèle dopo che tre dirigenti comunali, facendo arrabbiare Tosi, hanno avviato la procedura per la revoca della concessione al gruppo di imprese che lo avrebbe dovuto costruire, mettendo, di fatto, una pietra tombale sul progetto.

Dopo aver fatto l’apologia del buso a prescindere, uno degli avventori, il filosofo-psicologo-sociologo Strusa, ha detto che, comunque, non ci si può rigirare tra le mani una ciambella senza buso perché il problema dei quartieri intasati dal traffico, come Veronetta, deve essere risolto e lo si risolve solo col buso sotto le Toresèle.

El Strusa ha rilanciato quindi il traforo corto e rapido senza nuovi ponti sull’Àdese e senza pròget finànsing, una pratica che se da una parte sgrava l’ente pubblico da una spesa eccessiva o addirittura insostenibile, dall’altra crea però casini e lungaggini.

Gli ha risposto il cavalier Marandèla dicendo che senza fare costosi busi dove non ci sono, il Comune potrebbe dare incarico a dei tecnici di cercare un buso esistente, nascosto tra le frasche, di cui hanno conoscenza solo le coppiette, un buso che, pur non essendo talmente lungo da trapassare tutta la collina, potrebbe essere scelto come punto di partenza risparmiando un po’ di schei sullo scavo.

El Tegolina ha detto che, senza scomodare i tecnici, basterebbe chiedere alla fióla del Bepo Gardenàl «che la conosse le Toresèle mèio de un geologo».

Gli avventori hanno approvato all’unanimità la proposta dello Strusa, peraltro un progetto vècio di trent’anni, per un traforo corto ed è stato a questo punto che il ragionier Dolimàn ha lanciato un concorso di idee per i dettagli dell’opera - un concorso del genere di quello, da poco conclusosi, per incapelàr l’Arena - non prima però che la fióla del Bepo Gardenàl abbia indicato il buso da dove partire.

«Il concorso di idee - ha precisato el ragionier - sarà puramente accademico, e quindi inutile come lo è stato quello per el capèl dell’Arena, ma intanto il sindaco Tosi, facendo sua l’iniziativa, potrà tenere accesa la fiaccola del traforo, seppur in formato mignon, e cercare uno sponsor per la fiaccola».

«Se se trata solo de la fiàcola, el spònsor el podarìa èssar el comitato olimpico» ha detto el Vittorino.

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1