24 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

07.03.2019

Più che ai pitòchi
il sussidio andrà ai furbi

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Mi telefona la Elide. Mi chiede se sono andata a fare domanda per il reddito di cittadinanza. Le rispondo che non ne ho diritto perché sia io che il mio Gino abbiamo la nostra pensioncina. La Elide, meravigliata, mi dice che non conta averne diritto perché nella baraonda generale può succedere che prenda il sussidio anche chi non ne ha i requisiti. «L'è un casìn mai visto, Olga. Mi ò mandà al Caf el me Remigio. No'l voléa andàrghe e alora g'ò dito che el sarìa un mona a no proàr parché no se sa mai che, ne la prèssia che el g'à el Di Maio de dispensàr miliardi par ciapàr el voto dei pitòchi, no capita che ghe sia un imbròio de carte, che un timbro el sbrìssia dal fòlio giusto a quel sbalià, che se confonda l'lsef con l'Isee, la trupa con la tripa, le marandèle co' le marandùsie, insoma te m'è capìo». Rispondo alla Elide che sono informata sulla confusione che c'è ai Caf e alle Poste e che Radio Good Morning San Zen ha addirittura appena detto che le code per prendere il sussidio sono paragonabili a quelle per il pane in tempo di guerra. «Ma che ghe vol 'na bèla fàcia de tòla - aggiungo - a slongàr la man se no se ne g'à bisogno». «E ti pènsito - mi fa la Elide - che tuti 'sti schei i finìssa ne le mane giuste? Pènsito sul serio che i ghe vàga ai poaréti veri? Spèta che te lézo cosa el dise el giornàl. Sta lì che me méto i ociài. Éco qua. El dise che se la domanda, che può essere inoltrata anche attraverso Internet, verrà accolta, i richiedenti riceveranno avviso per sms o per email. Ma dìme se quei che i vive ne la miseria i g'à el telefonìn o Internet». Le rispondo che effettivamente il sussidio lo prenderanno i furbi, l'unica cosa di cui l'Italia abbonda. «E alora - mi dice - cosa spètito a mandàr anca el to Gino a far la cóa al Caf?». «Parché no l'è bastànsa furbo come el to Remigio - le rispondo - e anche perché noi facciamo parte di un'altra Italia». «Ah sèntela, ciò: èla e el so Gino iè puri mentre noàltri saréssimo i sfrondàdi, quei che i sérca de profìtàrghene». «Elide le dico - se te la méti su 'sto tono perdémo l'amicissia». La Elide cambia discorso e mi chiede cosa fàsso da magnàr par ancó. «Dovémo finìr i gnóchi - le rispondo parché vènardi ghe n'ò fato 'na brènta». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1