17 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

29.01.2019

Ma quanti lasceranno
el mestiér de Michelasso?

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Come ha riferito L’Arena, sono seimila - scrive la Olga - i veronesi che si trovano nelle condizioni previste dalla legge per accedere al reddito di cittadinanza. Ma quanti di questi, pur in età di lavoro, avranno la voglia di affidarsi ai centri di impiego per essere aiutati ad abbandonare la professione del Michelasso: magnàr, béar e no far un c..., presupposto per ottenere il sussidio? Il quesito è stato al centro di una affollata conferenza tenuta alla Corte Vecia dal professor Spandilacqua il quale ha detto che se è vero che, secondo i Cinquestelle, il reddito di cittadinanza porterà a un milione di occupati in più, è altrettanto vero che in Italia ci sono centinaia di migliaia di posti di lavoro scoperti che gli aventi diritto al sussidio, se avessero voluto, avrebbero potuto colmare prima di aspettare l'entrata in vigore del decreto. «Brao» gli ha gridato da in fondo alla sala el Toni Biso lanciando in aria el capèl della veciòta che gli era seduta davanti. Il professor Spandilacqua ha quindi elencato i mestieri di cui c'è offerta ma non domanda: camerieri, pizzaioli, badanti, manovali edili, spazzini, addetti alle pulizie dei condomini... «Potrei continuare fino a domani» ha detto il professore che, a sorpresa, ha inserito in lista anche i maniscalchi. E ha aggiunto: «È fuori di comprendonio come mai Di Maio, per trovare posti di lavoro vacanti già noti, faccia seguire ogni sussidiato da un "navigator", figura professionale inventata ad hoc». Erano presenti in sala quindici disoccupati a reddito Isee preoccupante i quali si sono dichiarati disposti a fare i "navigator" che, come ha precisato Di Maio, saranno pagati a cottimo. È la prima volta - ma questo è o non è il governo del cambiamento? - che dei disoccupati vengono pagati per trovare lavoro a dei disoccupati e che, finito il loro compito, torneranno disoccupati. A loro volta i "navigator", prima di prendere servizio, dovranno frequentare un corso di formazione che sarà tenuto da altri disoccupati che per questo otterranno il reddito di cittadinanza. «È un comico circolo vizioso - ha concluso Spandilacqua - per cui finirà tutto in farsa e, quindi, in una gigantesca presa per i fondelli». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1