Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

01.06.2018

L’abbraccio con destrezza
effusione da respingere

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Diffido di chi mi getta le braccia al collo per abbracciarmi - scrive la Olga - ma d’ora in poi manterrò le distanze con decisione, anche ricorrendo al kung fu se sarà necessario. A dire il vero, finora non sono mai stata abbracciata da persone sconosciute, ma eviterò questo genere di allacciamento anche da parte di quelle conosciute. Dopo aver letto su «L’Arena» che, con la tecnica dell’abbraccio, sia in città che in provincia, parecchi anziani sono stati rapinati chi dell’orologio, chi della collanina e chi della borsetta, respingerò ogni tentativo di morsa tentacolare, da qualsiasi parte venga. Dopo averlo messo al corrente dei miei propositi, il mio Gino si è allarmato. «Par ti gh’è ’na deroga - l’ho rassicurato - a meno che no te vegni in lèto imbriago o col fassoléto verde della Lega nel taschìn del pigiama parché la politica, almeno in certi momenti bisogna lassàrla fora». Temo, perché falso e ipocrita, anche l’abbraccio ideale dei politici che dicono di essere dalla parte del popolo. «Vi abbraccio tutti» ho sentito dire da una mezza cartuccia di candidato in un comizio durante l’ultima campagna elettorale. «Atento, g’ò risposto rento de mi, che son piena de spini come un porcospìn». Da quello che ho letto su «L’Arena», le rapine tramite abbraccio vengono messe a segno da donne, più o meno giovani, che ti si fanno incontro con grande calore fingendo di aver riconosciuto in te una persona cara che non vedevano da tanto tempo e di cui ti dovresti ricordare. Una specie di lieto fine di "Chi l’ha visto?". E tu, mentre frughi nella tua mente, ti fai mettere i tentacoli addosso. Non sai che si tratta di un abbraccio con destrezza e mentre quella ti slaccia l’orologio d’oro o la collanina che ti ha regalato to pòro marì, continui a pensare a "Chi l’ha visto", una trasmissione che, se ha anche questi risvolti, sarebbe meglio chiudere. Se fossi sindaco emetterei un’ordinanza che punisce l’abbraccio in pubblico con una forte ammenda, colpendo sia chi abbraccia sia chi si fa abbracciare da persone che non conosce. Anzi, sarei più dura con quest’ultime perché l’ingenuità in tempi come questi è un delitto non meno grave della rapina. E perché l’ingenuità in un anziano, che dovrebbe essere sospettoso per natura, è un’aggravante. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1