Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

16.06.2018

Il traffico delle suppliche
e il trapano per il traforino

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Il sindaco Sboarina - scrive la Olga - ha incontrato i parlamentari veronesi per sottoporgli la lista delle cose che dovranno fare per Verona. Da parte loro i sindaci delle altre 109 città italiane faranno lo stesso, o lo hanno già fatto, con i propri deputati e senatori. Molti degli eletti vengono poi da paesi che dalla Valle d’Aosta alla Sicilia sono oltre 8000 e anch’essi riceveranno, o hanno già ricevuto, raccomandazioni dai loro sindaci: «C’è da fare questo, c’è da fare quest’altro, ci sarebbe da portare avanti quella roba là, abbiamo bisogno di una circonvallazione, di un acquedotto, abbiamo il problema dei migranti, il campanile fa troppa ombra, c’è da abbattere la caserma per costruire case popolari, occorrono più scodellatrici per la mensa scolastica, abbiamo troppe prostitute per le strade». Insomma un sacco di perorazioni di cui i parlamentari prenderanno nota o faranno finta di farlo perché poi, visto l’enorme traffico di suppliche, non potranno fare un tubo o solo i più scaltri, avendone convenienza personale, riusciranno a fare qualcosa per il paesello che di solito è al Sud. Verona non ha mai ricevuto molto da Roma, come, del resto, non ha mai avuto regali dalla Regione che le ha più tolto che dato. Però, come dice il ragionier Dolimàn, adesso abbiamo un ministro alla famiglia e ai disabili, Fontana, che nel suo specifico settore di competenza si darà da fare. Ha già detto che il problema dell’Italia è il calo demografico, quindi farà fare più figli agli italiani con particolare riguardo ai veronesi ai quali ne farà fare di più di ogni altra città. Il modo per fare figli è noto ma il ragionier Dolimàn è sicuro che Fontana ci istruirà su come raddoppiare o triplicare la nascite. Le aspettative del bareto si concentrano dunque solo sul ministro Fontana mentre dicono che l’incontro di Sboarina con gli altri parlamentari non porterà a niente, anche se il sindaco avrà probabilmente chiesto qualche scheo per il traforino che ha in mente di fare la sua amministrazione al posto del traforone del megalomane Tosi. Per il traforino delle Toresèle, l’architetto Mastegabródo ha detto che basterà un trapano a manovella. El buséto è un’altra vittoria del sindaco Sboarina che ha già risolto il problema dell’Arsenale cambiando i cópi ai ruderi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1