Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

05.09.2018

C’è ancora chi si stupisce
ma non il Vacamòra

La Posta della Olga
La Posta della Olga

El Vacamòra, el bacàn da cui andiamo a comprare i ovi, i salami e qualche cunèl - scrive la Olga - quando sente il sindaco della città e quelli della provincia definire eccezionale il diluvio di sabato, el scórla la testa come il suo musso se gli si chiede del governo. «Iè trent’ani che l’ecessionalità l’è diventà normalità» ha detto ai microfoni di "Good Morning San Zen" che è andata a intervistarlo nei suoi campi. «Se el gal el me fa i ovi l’è un fato ecessionale ma, visto che ogni òlta che pióe va de sora i progni e va soto le case e le strade, vol dir che ormai questa l’è la regola e che bisogna tegnérghene conto e no maraveiàrse come la me Bianca la prima òlta che l’à visto un treno». Il pluviometro del Vacamòra è el figàr che ha in corte e gliel’à mostrato alla trup di "Good Morning San Zen": «Eco, vedìo i segni bianchi che g’ò fato col penèl? Quei bassi i segna el livèl de l’acqua che vegnéa zó ’na òlta e quei alti i segna quela che vien zó quando pióe adesso». Poi el Vacamòra ha mostrato el luamàr che sabato è esondato allagando la casa. «G’avéimo la cusìna co’ la m... che ne rivàa ai zenòci» ha detto. «Émo ciamà el sindaco e i assessori parché i vegnesse a dàrne ’na man come ià fato in Lungadige Attiraglio ma no iè mia vegnùi parché no gh’era mia la televisión e i fotografi dei giornài». Attorno al luamàr i suoi figli, el Bifo e l’Òlco, stavano tirando su un muraglione come si dovrebbe fare per tutti i progni, dalla Valpolicella a Ponte Crencano a Montorio, per evitare che si ripeta il disastro di sabato. «Apena è scominsià el diluvio - ha detto el Vacamòra a "Good Morning San Zen" - émo parà fora le vache da la stala e le émo tirà su in granàr co’ la carùcola. "Prima pensé a le vache e dopo a voaltri" el diséa me poro pare ma alora pioéa el giusto e se vegnéa un temporal savéimo che l’acqua la rivàa ai segni bassi del figàr». El musso girava intorno alla trup con fare indifferente. «El musso - ha detto el Vacamòra rispondendo a una domanda dell’intervistatore - no l’émo mia tirà su in granàr parché fra tute le bestie che g’avémo l’è quela più bona de noàr». Il giornalista allora voleva intervistare el musso che però si è schermito con un raglio di timidezza. «L’è de poche parole» lo ha scusato el Vacamòra. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1