22 gennaio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

27.09.2018

Basta tenere in auto
una copia del modello Isee

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Quando gli avventori del bareto hanno saputo che dal primo di ottobre, dal lunedì al venerdì, potranno circolare solo le auto a gasolio da Euro 4 in su ma che ci saranno delle deroghe per i meno abbienti e per i veciòti dai 70 in là, si sono posti delle domande. Anzi - mi riferisce il mio Gino - le hanno poste al ragionier Dolimàn, anche lui spiazzato dall’ordinanza del sindaco ma abbastanza lucido per dare risposte. Al Tegolina che gli ha chiesto come faranno i vigili a sapere che chi è alla guida di una Euro 3 ha un reddito modesto, el ragionier ha risposto che chi rientra nella deroga deve tenere in auto, assieme al libretto di circolazione, una copia del modello Isee che ne attesti le precarie condizioni economiche e che dovrà essere pronto a esibire nel caso in cui i vigili lo fermassero. «Eh, ostia, anca questa me tóca sentìr!» ha esclamato el Tegolina». «Per evitare di essere fermati - ha aggiunto el ragionier - meglio sarebbe incollare il modello al parabrezza». El Bole, che non rientra nella deroga dei meno abbienti ma che, avendo 37 anni per gamba, rientra in quella dell’età, ha chiesto se non fosse il caso de tacàr al parabrezza anca la carta d’identità. «L’è un’agevolassión che se ghe dà ai vigili - ha risposto el ragionier - che se no i dovarìa fermàr tuti quei che i g’à i cavéi bianchi, anca se bastarìa pituràrseli par ciavàrli». El Tènca si è intromesso nella discussione per dire che, per lo stesso motivo, chi ha quarant’anni e vuole circolare nei giorni proibiti con un’auto a gasolio "no-kat" potrebbe sbiancarsi i capelli. «Anca questo è possibile» ha risposto el ragionier il quale però ha rassicurato tutti dicendo che, siccome il divieto è in vigore dalle otto di mattina alle sei e mezza di sera, dopo quest’ora se pol ciapàr su la machina e menàrse par tuta la note. El cavalier Marandèla, poco entusiasta di andare in giro di notte con la sua no kat, ha detto che con questo provvedimento il sindaco favorisce quelle che fanno il mestiere della Rosy Culodoro e della Pepi Bandalarga. «È vero che alcune categorie di cittadini sono avvantaggiate - ha risposto el ragioner - ma è anche vero che non si possono accontentare tutti». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1