19 marzo 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

21.11.2018

Baccalà scontato
per il Black Friday

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Tra le mie amiche - scrive la Olga - c’è fermento per il Black Friday, il Venerdì Nero durante il quale si possono fare acquisti con lo sconto. In America la tradizione è nata quarant’anni fa. Io, se non me lo avesse spiegato la Elide, pensavo che il Black Friday fosse un trapano elettrico e avevo in mente di regalarlo, prima o dopo, al mio Gino che usa ancora quello a manovella. Ho scoperto che il Venerdì Nero si chiama così perché i botegari americani sui loro libri contabili scrivevano in rosso le uscite e in nero le entrate. Non faceva diversamente il mio vècio botegàr, el Rino, con quelli - a quel tempo si usava ma si è tornati a farlo anche oggi - che pagavano alla fine del mese, cioè "i notava". Aveva un quaderno su cui scriveva nome e cognome del debitore e l’importo dell’acquisto. Scriveva in rosso le "uscite" e in "nero" le entrate, con le rispettive matite copiative che teneva sora le réce. Penso quindi che il Black Friday debba qualcosa anche al pòro Rino che è morto ormai da tempo. Mi dice el botegàr Balansa che il sistema del "pagherò a fine mese" è l’unica arma che ha per tenersi stretti i clienti che sennò andrebbero a fare la spesa al supermercato. Il Black Friday dovrebbe aprire, come in America, la stagione degli acquisti natalizi, anche se a Verona vi aderiscono solo alcuni grandi magazzini e pochi negozi. El Balansa fa lo sconto solo sul baccalà ma per poterlo fare aumenta il prezzo della bondola. «Dài che vènardi andémo ai banchéti de Nadàl che gh’è i sconti» mi ha detto la Irma ma era una fèic niùs perché dal Piereto Polentina che ha un barachìn de batarìe natalizie de là de l’Àdese, ho saputo che né lui né i suoi colleghi sanno cos’è il Black Friday e che se anche lo sapessero hanno i prezzi fissi imposti dal Babbo Natale veronese che abita a Montorio. La Elide compra onlàin perché gli sconti sono soprattutto lì. «Crómpeme un par de savate col pel rénto che pó te do i schei» le ho detto ma lei mi ha liquidato con un’alzata di spalle. Ho letto che la gente in America passa la notte fuori dai negozi in attesa che alzino le saracinesche. Non credo che succederà la stessa cosa davanti alla bottega del Balansa per il baccalà scontato, ma non si può mai dire. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1