Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

24.05.2018

Anche il ragionier Dolimàn
si gonfia il curriculum

La Posta della Olga
La Posta della Olga

I l'à cagnà - scrive la Olga riferendosi al professor Conte che si è arrotondato il curriculum -. I l'à cagnà come è successo a Nuvola Rossa, la ministra Fedeli, che si era inventata una laurea mentre invece aveva fatto solo un corso per assistente sociale. Conte era stato, diciamo così, impreciso riguardo ai suoi studi in prestigiose università di mezzo mondo di cui, invece, avrebbe solo visitato le biblioteche. Una volta cagnato, si pensava che non sarebbe più diventato presidente del Consiglio e invece ce l'ha fatta, tanto più che c'era il precedente della Fedeli che, nonostante la bugia, era rimasta al suo posto. Il ritocchino al curriculum è un vizietto nazionale che viene scoperto solo nel caso in cui chi ne è affetto passa dalla cantina ai piani alti. Il maestro del coro del bareto, Ociodevéro, solo per essersi imbucato come venditore di bibite al Festival di Salisburgo, sostiene di aver diretto la prestigiosa orchestra del Mozarteum. L'Attanasio, che al bareto chiamano "El Cagón" per il suo ego smisurato, sbandiera un curriculum gonfio come 'na ròia incinta ma suscita solo compassione come quel matto del manicomio di San Giacomo che credeva di essere Napoleone. Anche il ragionier Dolimàn ha un curriculum discutibile. Sostiene, per esempio, di essere stato ragioniere capo di Buckingham Palace solo perché ha compilato la dichiarazione dei redditi allo stalliere della regina, el Momi, un emigrato dalla Mambrotta. Per non essere sbugiardati bisogna non avere curriculum e per fare carriera basta il culum. Di Maio, che non ha fatto niente nella vita, è diventato capo politico dei grillini e voleva fare presidente del Consiglio. Il guaglione ha dei grossi limiti in italiano e in geografia, probabilmente ne ha ancora di più in economia, ma questo nell'Italia di oggi è un pregio. Io, che sono ignorante come 'na sapa, ho le sue stesse lacune culturali ma non potrei mai andare a Palazzo Chigi perché l'aver lavorato per quarant'anni è più disonorevole che l'avere il curriculum farlocco, e comunque le mie ambizioni sono altre. Il mio Gino, prima di essere smascherato, oggi mi ha rivelato di non aver mai fatto il boy scout, come mi aveva sempre detto. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1