19 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Giugno

18.06.2015

Ma non è più colpa di Corsi

La posta della Olga
La posta della Olga

«Era sempre colpa di Corsi» scrive la Olga. «Corsi era come il bajòn di una famosa canzone. "È tutta colpa del bajòn" cantavano insieme Nilla Pizzi e Gino Latilla ai tempi in cui mi andavo a scola co' la ciàpola in testa».«Ma adesso che Corsi, vittima della propria vanità ancora prima che della purga di Tosi, non è più sul caregón de assessór, le cose vanno come se fosse ancora in carica. Le scale mobili del parcheggio dell'ex gasometro avrebbero dovuto entrare in funzione per Pasqua e invece, mentre sta per cominciare la stagione lirica in Arena, sono ancora ferme, quindi inutili».«Il traforo delle Toresèle, dopo tanti proclami e annunci, è ancora sulla carta; carta igienica, dice il mio Gino. Prima si doveva fare a due canne, dopo a una, ultimamente a una mezza canna e una presa di tabacco da tirar su col naso».«In Comune si discute su come seppellire il progetto più che su come realizzarlo; da tempo è morto prima ancora di nascere e adesso non si sa cosa fare del cadavere».«Ricordo quella sera di qualche anno fa in piazza Erbe quando Corsi, allora sul baldachìn degli onori, come la Madonna Pellegrina, in occasione del Gran galà di Giulietta e Romeo, a proposito del traforo, disse, in polemica con la Olga, che son mi: "Siamo determinati a farlo". O traforo o morte, o traforo o diarrea co' le sfranze, o traforo o bugànse nei òci».«Adesso si cerca il modo di seppellirlo de scondón, senza che la gente se ne accorga e col tempo si desménteghi de le do cane, de la cana sola, de la presa de tabaco e del "Siamo determinati"». «D'altra parte le Toresèle sono così preziose che l'è un pecà sbusarle. Adesso che per la seconda estate consecutiva è stata chiusa al traffico via Carducci, la strada delle Toresèle è un'alternativa, anzi un obbligo, per chi deve andare in borgo Venessia».«L'è un bìgolo de strada che però, quando occorre, si trasforma in una circonvalassión, anche se non ne ha la larghezza, tanto che quando due fuoristrada si incrociano volano gli specchietti e le maniglie delle portiere».«Ma la colpa della chiusura estiva di via Carducci per lavori e scavi non è né di Corsi (pace alla sua determinassión) né del bajòn, ma del fatto che l'Agsm si ostini a interrare i tubi del gas invece di attaccarli via come i fili della luce».

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1