Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
12 dicembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

07.12.2018

Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè

Yin Chong Liang, presidente del Chinese Tea Culture Research Institute, mostra il vero tè cinese
Yin Chong Liang, presidente del Chinese Tea Culture Research Institute, mostra il vero tè cinese

Il primo passo è quello di scegliere la musica adeguata. Una melodia soave, non invasiva, in grado di diffondere la quiete necessaria a dare il via alla cerimonia del tè per ritrovare la pace interiore in un’usanza senza tempo. Intanto l’acqua sarà stata messa sul fuoco e avrà iniziato a bollire, per essere pronta a essere versata in teiere di terracotta pregiata, traspiranti e porose, quelle ideali per accogliere le foglioline della pianta che appartiene al genere Camellia, della famiglia Theaceae.

 

Un rito, quello del tè, che è stato presentato all’Istituto Alberghiero Berti al Chievo, dove è arrivato ospite Yin Chong Liang, presidente del Chinese Tea Culture Research Institute. L’assaggiatore di prestigio, membro di diverse commissioni nazionali e locali di degustazione e controllo qualità del tè, assistito da una fedele collaboratrice, ha svelato al pubblico selezionato e attento tutti i segreti della bevanda tipica del Paese asiatico. Nulla a che vedere con gli infusi in bustina a cui siamo solitamente abituati, e che in Cina vengono scartati a priori. Quello proposto è un viaggio tra aroma e tradizioni, per palati raffinati.

 

Diverse le tipologie di tè dalla qualità eccellente presentate per l’assaggio, solitamente destinati a capi di stato e diplomatici, oltre che ai grandi manager. Si parte dal tè verde, il più acerbo e non fermentato, una sorta di «novello» se paragonato al mondo dei vini. Una bevanda ideale da consumare dopo i pasti per facilitare la digestione, velocizzare il metabolismo e ridurre il colesterolo, e che, se di qualità ottimale, funge quasi da antibiotico naturale, ottimo per gli occhi e le orecchie, ma che non dovrebbe essere consumata dopo i 55 anni, perché tende a rubare un po’ di calcio all’organismo.

 

Al suo posto, per chi ha problemi di stomaco o ha superato una certa età, il tè nero e il tè rosso risultano ideali, più maturi e «stagionati», ricchi di proprietà antiossidanti e, nel caso del tè rosso, completamente senza teina. Le piante, che possono persino raggiungere i 3.200 anni, sono di due tipi. Le più comuni sono arbusti alti al massimo un metro e mezzo, ma quelle più antiche raggiungono dai due ai sette metri di altezza, spesso tra rocce montane. La raccolta, che solitamente avviene in primavera, prevede la scelta delle ultime due foglioline, al massimo tre. È questo che distingue nettamente il prodotto dai tè in bustina delle multinazionali, in cui si raccolgono dalle piante molte più foglie, vecchie, secche e grandi, che vengono per forza sbriciolate. Inoltre, la conservazione migliore è all’interno di bustine di alluminio, altrimenti l’infuso è destinato a durare molto poco. In generale le qualità verde e gialla sono più fresche e non fermentate, quindi vanno consumate in tempi più rapidi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiara Bazzanella
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua